Mercoledì 12 Gennaio 2011

Diciannovenne assalita in treno
per rapina. Un arresto a Seriate

Viaggiava da sola sul treno Bergamo-Brescia nella sera di lunedì 10 gennaio, quando è stata avvicinata da uno sconosciuto che ha tentato di rapinarla. La vittima, una diciannovenne boliviana di Villa d'Almè, è però riuscita a chiedere aiuto al capotreno, che è intervenuto e ha avvertito i carabinieri.

Quando il treno si è fermato a Seriate il presunto aggressore è finito in manette: si tratta di un ragazzo marocchino di 20 anni, Y. M., di Chiuduno, ora in carcere con l'accusa di tentata rapina.

Il nordafricano si sarebbe avvicinato con una bottiglia di birra in mano alla ragazza e dopo aver intavolato una conversazione avrebbe preteso dei soldi, minacciandola con la bottiglia. È però arrivato il capotreno e la ragazza è riuscita ad attirare la sua attenzione: l'operatore è intervenuto per aiutarla ma, sempre secondo le ricostruzioni, il giovane avrebbe minacciato anche lui con la bottiglia.

A quel punto il capotreno non ha potuto far altro che avvertire le forze dell'ordine. Una pattuglia di carabinieri della tenenza di Seriate subito ha raggiunto la stazione ferroviaria di Seriate e ha atteso l'arrivo del treno: quando il convoglio si è fermato, i militari sono saliti a bordo e hanno rintracciato il marocchino, arrestandolo per il reato di tentata rapina.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata