Giovedì 20 Gennaio 2011

Basta alle stazioni abbandonate:
ora ci penseranno i Comuni

Stazioni da sistemare, dove il tempo che passa, l'incuria e i vandalismi hanno lasciato segni evidenti. Stazioni «fantasma», senza neppure un ferroviere, ma ogni giorno frequentate da migliaia di pendolari. Sono 23 le stazioni e fermate ferroviarie bergamasche, tutte delle Fs.

Poco più del 5%, percentualmente parlando, delle 415 stazioni e fermate ferroviarie operanti in Lombardia sia sulla rete delle Fs che su quella delle Ferrovie Nord. Un dato questo che mostra ulteriormente come la nostra provincia è una di quelle meno dotate di infrastrutture ferroviarie di tutta la Lombardia.

Dati alla mano, infatti la provincia di Brescia ne ha 55 di stazioni e 24 quelle di Sondrio per dare l'idea di due realtà agli antipodi per numero di abitanti. Tra quelle bergamasche dieci sono fermate in gergo tecnico «impresenziate» ovvero sul posto non c'è più nessun ferroviere in servizio oppure come nel caso delle ultime nate (Levate, Arcene e Stezzano) sulla linea Treviglio-Bergamo sono state concepite senza sala di attesa o altri spazi chiusi per i viaggiatori.

Le altre fermate orobiche sono Caravaggio, Treviglio Ovest, Vidalengo, Morengo, Calcio, Chiuduno e Pontida. Sono previsti interventi di restyling nelle stazioni di Bergamo e Treviglio: ci sono i progetti di riqualificazione e sono già stati realizzati lavori di potenziamento e di miglioramento tecnologico in seguito al raddoppio della Bergamo-Treviglio e al quadruplicamento Pioltello-Treviglio. Lavori che hanno riguardato anche la stazione di Verdello-Dalmine e che interesseranno anche la stazione di Romano lungo la linea Milano-Venezia.

Intanto l'assessore regionale alla Mobilità Raffaele Cattaneo sta lavorando per definire entro le prossime settimane un accordo quadro con le Fs e le Ferrovie Nord perché i Comuni possano prendere in consegna le stazioni o alcuni locali di queste per destinarle a sede di servizi e associazioni di interesse pubblico in cambio di sorveglianza, manutenzione e un minimo di servizio per i viaggiatori come sala di attesa e toilette.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo del 20 gennaio

r.clemente

© riproduzione riservata