Sabato 29 Gennaio 2011

Giorni della merla senza freddo
E l'inizio di febbraio sarà mite

Se si butta l'occhio all'immagine del satellite meteorologico, in questi giorni si nota un'Europa con nuvole e nebbie distribuite su tutto il continente, non particolarmente compatte o disegnate «a perturbazione», ma presenti un po' dappertutto, ad eccezione dei Paesi Bassi, dove c'è il centro dell'anticiclone. Questa ampia dispersione della nuvolosità sta però a denunciare una certa debolezza dei due protagonisti del tempo, l'alta pressione sul Centro Europa e la depressione mediterranea estesa fra la Grecia e il Portogallo.

E nei due giorni scorsi, pur avendo il Nord Italia i giusti requisiti invernali, cioè l'aria fredda in pianura padana e le correnti che arrivavano da Sud-Est, le nuvolette sparse e i tanti cieli a pecorelle non sono stati in grado di mandare a terra alcuna precipitazione, se si esclude qualche cristallino di nevischio che ieri mattina presto è stato scoperto in qualche area delle Orobie.

La Merla si sta quindi proponendo in modo piuttosto deludente, e con una situazione meteo così fiacca non si parla al momento né di vero freddo, né tantomeno di neve. Dopo alcune nuvole ancora a passeggio sabato nei nostri cieli, da domenica sarà anzi protagonista il ritorno dell'anticiclone delle Azzorre, che darà alla prima settimana di febbraio connotati soleggiati e piuttosto miti.

Roberto Regazzoni

m.sanfilippo

© riproduzione riservata