Mercoledì 02 Febbraio 2011

Napolitano con il vescovo in Città Alta
Il decollo da Orio al Serio alle 18,05

Dopo la tappa a L'Eco di Bergamo, il presidente Giorgio Napolitano, la moglie Clio e la delegazione presidenziale hanno raggiunto Città Alta, accolti da centinaia di persone, dove la visita si è trasformata da ufficiale in privata.

Il Capo dello Stato è stato accolto dal vescovo di Bergamo, Francesco Beschi: insieme sono entrati nel Duomo, nella Basilica di Santa Maria Maggiore e nella Cappella Colleoni. Con loro anche il sindaco Franco Tentorio, il presidente della Provincia Ettore Pirovano, il prefetto Camillo Andreana e Giuseppe Pezzoni, presidente della Fondazione Mia. Telecamere rigorosamente non ammesse.

Il vescovo avrebbe dovuto accompagnare il Capo dello Stato soltanto nel Duomo, ma evidentemente c'è stata una variazione nel rigido cerimoniale, con monsignor Beschi e Napolitano che hanno instaurato subito un rapporto molto franco e cordiale.

Il presidente, che ha salutato la gente accorsa per vederlo, ha rilasciato una breve dichiarazione a Bergamo Tv dicendo di essere rimasto commosso e colpito dall'accoglienza ricevuta da Bergamo e, ricollegandosi al discorso tenuto al teatro Donizetti, ha sottolineato ancora una volta l'urgenza di preparare un futuro all'altezza dei giovani.

Il presidente e la moglie alle 17,15 sono entrati anche nel Palazzo della Ragione per ammirare la mostra dei collezionisti dell'Accademia Carrara concedendosi anche una tazza di tè. Alle 17,40 il saluto alla città di Napolitano che è salito sull'auto presidenziale.

È stata l'ultima tappa della visita del Capo dello Stato a Bergamo. La partenza dall'aeroporto di Orio al Serio per Roma Ciampino con il Falcon presidenziale è avvenuta esattamente alle 18,05, più o meno secondo le previsioni.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata