Giovedì 10 Febbraio 2011

Il nuovo stadio parlerà inglese
Percassi scegli i londinesi Populous

Il nuovo stadio dell'Atalanta parlerà inglese. Dopo qualche mese di trattativa Antonio Percassi e la famiglia Cividini, rispettivamente i proprietari dell'Atalanta e delle aree di Grumello del Piano dove sorgerà la nuoca struttura, hanno scelto i progettisti: lo studio Populous operativi in quel di Londra. Tra le loro ultime realizzazioni il nuovissimo stadio per le Olimpiadi 2012, il nuovo Wembley ed Emirates, casa dell'Arsenal.

Populous ha avuto la meglio su altri prestigiosi studi di progettazione americani e spagnoli: negli uffici di Percassi e Cividini stanno già girando le prime ipotesi di massima che si stanno sempre più raffinando. L'obiettivo è quella di presentare un masterplan a breve, sicuramente per la primavera. Anche perché c'è un fior di scadenza: la previsione contenuta nel Piano di governo del territorio è assolutamente temporanea. Due anni dall'entrata in vigore del documento. Quindi va in qualche modo concretizzata sul piano urbanistico entro l'estate 2012.

Parallelamente, un'altra società inglese di grido sta lavorando sul progetto: si tratta della Img. A lei spetta il compito di tracciare il profilo dell'offerta commerciale di uno stadio che avrà una capienza tra i 25 e i 30 mila spettatori. A breve partirà una vera e propria ricerca di mercato per disegnare il migliore assetto possibile dell'impianto dal punto di vista dell'utenza, compresi gli spazi per la ristorazione, i box riservati e tutta quella gamma di offerta che fa la differenza tra uno stadio di nuova e vecchia concezione.

Per saperne di più leggi L'Eco di Bergamo del 10 febbraio

fa.tinaglia

© riproduzione riservata