Martedì 15 Marzo 2011

Da casa Savoia a PalaFrizzoni
Un quadro con Vittorio Emanuele

Ad inaugurare la lunga serie di eventi che accompagneranno la città di Bergamo nell'ambito delle celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, un prezioso dipinto, consegnato in comodato per l'anno in corso dal Vicario per Bergamo e provincia degli Ordine Dinastici di Casa Savoia, Cav. Fabio Franzoni a nome di Casa Savoia. L'opera, a firma di Sebastiano De Albertisi e realizzata un anno dopo la battaglia di S. Martino (1859), raffigura Vittorio Emanuele II su un cavallo bianco al galoppo sul campo di battaglia e resterà a Bergamo per un anno, sino al termine delle celebrazioni per l'Unità d'Italia.

Si tratta di un dono che Vittorio Emanuele ha voluto fare alla città di Bergamo perché oltre ad aver rappresentato un ruolo importante durante il Risorgimento, oggi vi è particolarmente affezionato, soprattutto in seguito alla sua visita lo scorso anno: «Vittorio Emanuele – spiega Fabio Franzoni – ha voluto offrire quest'opera quale tributo di riconoscenza per il generoso esempio dato da tutti i cittadini di questo storico Comune. Inoltre, il principe e la principessa sono rimasti molto colpiti dalla bellezza di questa città, in particolare della meravigliosa vista da S.Vigilio, oltre che per il suo ordine e pulizia. Hanno un bellissimo ricordo».

Questo omaggio è il simbolo delle celebrazioni per il 150° dell'Unità: «Il dono di Casa Savoia rappresenta un momento culturale importante per Bergamo – afferma il sindaco Franco Tentorio. La nascita del Regno d'Italia è stata voluta fortemente dai bergamaschi che hanno dimostrato valori positivi che ancora oggi li contraddistinguono, come il senso di volontariato, l'amore per la propria terra e la famiglia e l'impegno nel lavoro».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata