Martedì 21 Giugno 2011

Maturità, impazza il tototema
Ambiente, Unità d'Italia o Pascoli?

A poche ore dalla prima prova scritta della maturità, cresce l'attesa e la curiosità per i contenuti delle tracce che il Miur proporrà mercoledì mattina ai circa i 500mila candidati, di cui quasi 25mila privatisti. Centinaia di siti internet studenteschi, che propongono, ognuno sulla base di criteri diverse, temi ed autori dai contenuti più disparati.

Per quanto riguarda la traccia di attualità, tra le vicende più menzionate figurano la salvaguardia dell'ambiente, divenuta ancora più necessaria dopo le catastrofi conseguenti al recente terremoto in Giappone, su tutte il danno radioattivo nella centrale di Fukushima, ma anche la marea nera del golfo del Messico dell'aprile dello scorso anno. A dare linfa a questa ipotesi c'è anche un altro dato: il 2011 è stato dedicato alla biodiversità, un'attenzione che si ricollega alla prevenzione dell'inquinamento

Da più parti si indica poi lo scontro tra progresso e bioetica, contesto nel quale rientrerebbe anche il dibattito sull'uso delle cellule staminali; il sito Skuola.net cita anche come papabile il 2001, l'Anno europeo del volontariato. Nelle ultime ore sta prendendo quota un tema di stretta attualità: la privacy, in particolare quella on line, con tutti i pericoli interconnessi alla facilità con cui si postano dati e immagini su internet. Nel novero delle possibili tracce di attualità rientrano, fa notare il sito studenti.it, il 150esimo anniversario dell'Unità d'Italia, la guerra in Libia ed in generale le rivoluzioni in atto nel Nord Africa, con le conseguenti migrazioni di massa.

Da tenere d'occhio anche la beatificazione di Giovanni Paolo II ed il ventennale dal crollo del muro di Berlino e dei regimi comunisti. Nord Africa e unità d'Italia sembrano, inoltre, favorite dal fatto che potrebbero rientrare anche come prova relativa al filone storico. Per quanto riguarda gli anniversari, va ricordato che nel 2011 cade anche il 150esimo della morte di Camillo Benso di Cavour, il 40esimo dal primo volo spaziale, svolto da Jurij Gagarin.

Da non sottovalutare il decimo anniversario dell'attacco alle Torri Gemelle. Per la traccia relativa all'analisi del testo, i poeti ritenuti più plausibili, in alcuni casi anche perché non prescelti da diversi anni, sono D'Annunzio, Pascoli, Pirandello, Ungaretti, Svevo (però uscito nel 2009) e Calvino. Più di qualche sito specializzato si sofferma sul 140esimo anniversario della nascita di Grazia Deleddda, la scrittrice di Canne al vento, che nel 1926 ricevette il premio Nobel per la letteratura.

e.roncalli

© riproduzione riservata