Domenica 10 Luglio 2011

Seriate, anche il sindaco in strada
per la «Notte On the Road 2011»

Anche il sindaco di Seriate, Silvana Santisi Saita, è scesa in campo per la seconda «Notte On the Road 2011» che ha visto protagonisti, oltre agli stagisti e ai reporter, i rappresentanti di alcune delle istituzioni aderenti al progetto.

Una notte di controlli sulle strade che si è svolta tra le 22 di sabato 9 luglio e le 2 di domenica 9 luglio proprio a Seriate. Dopo un breve briefing al comando di Polizia Locale, in cui sono state date istruzioni sulle modalità di svolgimento della serata, i presenti hanno raggiunto il luogo previsto per il posto di controllo, in via Nazionale.

Oltre al sindaco di Seriate c'erano Guglielmo Benetti (dell'Ufficio Scolastico Territoriale, in rappresentanza del provveditore agli studi di Bergamo), Marco Sirtori (docente dell'Università degli Studi di Bergamo, inviato dal Rettore e tutor dei reporter) e Luisa Dal Bosco, membro del consiglio d'amministrazione del Consorzio di Polizia Municipale Val Seriana (ente capofila del Progetto).

La serata ha visto impegnati una decina tra agenti e ufficiali di Polizia Locale di Seriate, coordinati dal comandante Giovanni Vinciguerra e dal vicecomandante Adelio Carminati, oltre allo stagista Arturo Neri e alla reporter Mara Coppola, in rappresentanza dei 16 stagisti e  dei 5 reporter impegnati nelle attività “on the road” da ormai tre settimane.

Durante la serata sono stati fermati circa una ventina di veicoli, tra auto e ciclomotori, quasi tutti risultati in regola. Intorno alla mezzanotte la serata, che appariva tranquilla, ha iniziato però a movimentarsi.

Dapprima gli agenti hanno effettuato il fermo di una moto da cross guidata da una ragazza sedicenne che trasportava un'amica, minorenne anch'essa: le è stata elevata una sanzione e il veicolo è stato sequestrato per 60 giorni, con successivi altri 60 giorni di fermo dopo la restituzione.

A peggiorare la situazione è stato anche il fatto che la ragazza pareva essere già nota alla pattuglia, poiché precedentemente avvistata in città a commettere sorpassi pericolosi e per questa ragione già ammonita. La reazione delle due adolescenti è stata composta ma decisamente infastidita, come prevedibile, ma quello che ha gettato nello sgomento generale è forse stato il comportamento del padre della giovane conducente quando, arrivato sul posto per riportare a casa la figlia e l'amica, non ha lasciato trapelare né rabbia né rimprovero e ha anzi sfoggiato un atteggiamento del tutto freddo e, forse, quasi indifferente.

Quasi in contemporanea una Fiat Doblò rossa non ottemperava all'alt intimato dagli agenti, che si sono lanciati in un breve inseguimento del veicolo. La vettura, con a bordo due ragazzi di nazionalità boliviana, è stata fermata dopo circa un chilometro. Dopo una perquisizione dell'auto, del conducente e del passeggero, dalle quali non è nulla di sospetto, il test alcolemico ha messo in luce il motivo della fuga dei due giovani: entrambi risultavano positivi all'etilometro con valori pari a 1,86 g/l, ben oltre i valori consentiti dalla legge. Alla proibizione di usare ancora il veicolo (che, essendo in locazione, non poteva essere sequestrato) è seguito uno scalo di 10 punti dalla patente di guida del conducente ventunenne, raddoppiati a 20 poiché il ragazzo era neopatentato.

Durante la terza notte, in programma il prossimo sabato 16 luglio, è previsto invece l'affiancamento dei genitori alle forze di polizia coinvolte. Chi intendesse partecipare (è previsto anche, per chi lo desidera, la partecipazione attiva ad alcuni servizi mirati durante le ore diurne) può contattare telefonicamente il Consorzio di Polizia Municipale Valseriana, ente capofila dell'iniziativa, al numero 035 4127162 o inviare una mail all'indirizzo [email protected] comunicando il proprio nominativo.

Maggiori info su www.ragazziontheroad.it

r.clemente

© riproduzione riservata