Giovedì 21 Luglio 2011

Skidome al coperto a Selvino
C'è il «via libera» all'intesa

Nuovo passo avanti verso la realizzazione dello skidome al coperto di Selvino. La Giunta regionale ha dato infatti il via libera alla promozione dell'Accordo di Programma tra Regione Lombardia, Provincia di Bergamo, Comune di Selvino, con l'adesione della società Neveland, per la realizzazione di infrastrutture per la pratica di sport invernali al coperto finalizzate al rilancio dell'offerta turistica e alla tenuta occupazionale dell'altopiano di Selvino.

La delibera è stata presentata dal presidente Roberto Formigoni di concerto con gli assessori Marcello Raimondi (Ambiente, Energia e Reti), Daniele Belotti (Territorio e Urbanistica) e Stefano Maullu (Commercio, Turismo e Servizi).

Quello di Selvino è il primo impianto al coperto in Italia e avrà la pista più lunga del mondo. Il finanziamento (50-60 milioni) necessario alla sua realizzazione è interamente a carico del privato. La fine dei lavori è prevista nel 2014, prima quindi di Expo. Il progetto consente lo svolgimento di pratiche sportive invernali tutto l'anno e riveste un ruolo di volano per il rilancio dell'attrattività turistica non solo del Comune di Selvino ma di tutta la Valle Seriana contribuendo alla creazione di nuovi posti di lavoro che garantiscano la tenuta economica del territorio.

"Si tratta di un'opportunità importante per il turismo non solo a Selvino ma in tutta la bergamasca e l'iniziativa è ancora più interessante perché permette di puntare su un turismo che vada a coprire periodi dell'anno diversi rispetto a quelli soliti dell'estate e delle feste natalizie". E' quanto dichiara Daniele Belotti, assessore regionale al Territorio e Urbanistica dopo il via libera alla promozione dell'Accordo di Programma tra Regione Lombardia, Provincia di Bergamo, Comune di Selvino, con l'adesione della società Neveland, per la realizzazione di infrastrutture per la pratica di sport invernali al coperto sull'altopiano di Selvino.

"A differenza di quanto sostenuto da alcuni - afferma l'assessore rispondendo alle critiche di qualche associazione ambientalista - si tratta di un'iniziativa rispettosa dell'ambiente".

"Con la promozione di questo accordo di programma Regione Lombardia compie un ulteriore passo avanti verso il rilancio di tutta la Val Seriana. Un territorio che è stato profondamente colpito da questa crisi economica e la cui rinascita non può che passare attraverso la valorizzazione delle sue bellezze naturali e paesaggistiche, unite ad azioni mirate alla crescita occupazionale e allo sviluppo dell'industria turistica".

E' quanto afferma l'assessore all'Ambiente, Energia e Reti della Regione Lombardia, Marcello Raimondi, commentando il via libera dato dalla Giunta lombarda all'Accordo di programma per lo skidome di Selvino. "Mi riferisco in particolare - aggiunge Raimondi - ad importanti accordi di programma già varati dal Governo Formigoni, quello per il cotonificio Honegger di Albino e quello per il recupero produttivo delle cartiere Pigna ad Alzano, oltre all'accordo di programma per il rilancio dei comprensori sciistici dell'Alta Val Seriana e della Val di Scalve. Sono convinto che questa nuova struttura, unica in Italia ed innovativa sia sotto il profilo turistico e sportivo sia ambientale, saprà dare un importante contributo in questo senso attirando gli amanti degli sport invernali 365 giorni all'anno".

"L'impianto di Selvino rappresenta un ulteriore tassello a sostegno degli sforzi di promozione turistica di un territorio già molto attivo e che ora avrà la possibilità di giocare le proprie carte con gli amanti degli sport invernali e, non dimentichiamolo, anche delle loro famiglie per l'intero anno. Sono convinto che un impianto come questo e l'utilizzo di moderne tecnologie come gli smarthphone farà di Selvino e della sua zona una capitale dello sci e del turismo".

Questo il commento dell'assessore al Commercio, Turismo e Servizi della Regione Lombardia, Stefano Maullu, all'Accordo di programma per la realizzazione dello skidome di Selvino.

a.ceresoli

© riproduzione riservata