Lunedì 01 Agosto 2011

Esploratori nell'Abisso a Fonteno:
in 8 giorni «svelati» 19 chilometri

Fatta anche questa. La settimana passata sotto terra nei meandri dell'Abisso Bueno Fonteno ha dato i suoi frutti: ora le grotte, i cunicoli e gli spazi conosciuti che si espandono fra il lago d'Iseo e il lago di Endine hanno uno sviluppo complessivo che supera i 19 chilometri.

Il traguardo è stato raggiunto dagli speleologi del Progetto Sebino che per otto giorni, da sabato 23 a luglio fino a domenica 31 luglio, sono rimasti all'interno della grotta più grande della Bergamasca, mappando un altro pezzo di questo labirinto sotterraneo e aggiungendo qualche centinaia di metri in più alle grotte finora conosciute.

All'interno dell'Abisso si sono alternati diversi speleologi, novelli esploratori a metà strada fra Marco Polo e Indiana Jones: il giorno della partenza si sono calati in una decina ma uno di loro ha subito un leggero infortunio, lussandosi una spalla, e per questo è dovuto uscire anzitempo aiutato da altri amici che hanno così rinunciato alla missione.

A metà settimana poi c'è stato un cambio: alcuni sono riemersi dall'abisso mentre altri sono entrati al loro posto. Chi è rimasto per otto giorni consecutivi dentro l'abisso è Max Pozzo, uno dei responsabili del Progetto Sebino, che ha brindato alla buona riuscita dell'esplorazione insieme ai suoi compagni di avventura con un bel boccale di birra.

Leggi di più su L'Eco di lunedì 1° agosto

m.sanfilippo

© riproduzione riservata