Domenica 21 Agosto 2011

Pienone alle cascate del Serio
Nuovo appuntamento a settembre

Gran pienone per la terza apertura stagionale della Cascate del Serio: l'appuntamento di domenica ha registrato finora il più alto afflusso di turisti e visitatori dall'inizio della stagione, accorsi a Valbondione per poter assistere dalle 11 alle 11.30 allo spettacolo mozzafiato dell'apertura delle cascate più alte d'Italia e seconde in Europa. «Stabilire il numero esatto di visitatori è difficile – spiega il sindaco di Valbondione Benvenuto Morandi, molto soddisfatto della gran quantità di gente che ha affollato il paese e il sentiero verso il rifugio Curò per avere la visuale migliore sulle cascate -, ci basiamo sul numero dei ticket di parcheggio venduti: per questa apertura, le automobili parcheggiate raggiungevano quasi la località Dossi di Valbondione, segno che i posti erano quasi esauriti. Possiamo parlare di qualche migliaio di persone».

Sebbene anche le precedenti aperture – quella del 26 giugno e quella in notturna del 16 luglio– erano state molto frequentate, l'afflusso questa volta è stato maggiore «grazie probabilmente anche alla presenza di molti villeggianti giunti in paese per il mese di agosto, che non hanno rinunciato a quello che ormai è diventato un appuntamento fisso della stagione».

Ma non è stato tutto rose e fiori nella giornata di domenica: due escursionisti che si accingevano a salire per l'apertura delle cascate del Serio sono stati infatti colti da lieve malore e sono stati soccorsi dal 118. Il primo intervento, con l'elicottero, alle 8,30, all'inizio del sentiero per il rifugio Curò, per soccorrere un uomo di 55 anni. Il secondo, due ore più tardi, poche centinaia di metri più a valle, dove un uomo di 59 anni è stato soccorso con un'autolettiga e trasportato all'ospedale di Piario.

Le prossime aperture sono previste per domenica 18 settembre e domenica 9 ottobre, sempre alle 11. Per informazioni contattare l'ufficio turistico di Valbondione allo 0346/44090 o il Comune, allo 0346/44004.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata