Domenica 16 Ottobre 2011

Esploso lo zumba nella Bergamasca
Mix divertente di balli bruciagrassi

È l'ultima tendenza di chi vuole rimettersi in forma divertendosi. Ginnastica aerobica mischiata a salsa, merengue e reggaeton. Già 630 bergamaschi lo hanno provato: avviati 18 corsi in provincia. In una lezione si bruciano fino a 900 calorie.

Ci hanno chiesto di allenarci sui tacchi a spillo (legwork), in assenza di gravità abbandonate a tutori sospensori (come l'antigravity yoga) e aggrappate a un palo (pole dance). Per essere toniche e al passo con le più aggiornate tendenze del fitness, negli ultimi anni le nuove frontiere della buona forma fisica non hanno lesinato sorprese ad ogni cambio di stagione.

Il trend del momento, almeno per Bergamo, si chiama zumba fitness. E il nome (la traduzione significa festa) rende immediatamente l'idea della filosofia alla base di un allenamento che promette di fare muovere tutti i muscoli. Come? Divertendosi tanto.

Dopo aver spopolato negli Stati Uniti, questa disciplina che mescola il fitness al ballo latino americano sta prendendo piede anche da noi. È uno sport adatto a tutti, uomini e donne dai 6 ai 60 anni. L'intensità te la gestisci autonomamente. In media si bruciano 900 calorie a lezione.

Nelle ultime settimane sono state oltre 630 le persone, di età compresa tra i 13 ed i 60 anni, che si sono presentate alle lezioni prova organizzate in numerose palestre di città e provincia, dalla Valle Seriana alla Brembana. E le chiamate non smettono di arrivare, tanto che presto, in aggiunta ai 18 corsi già partiti, ne verranno attivati di ulteriori.

I corsi oggi contano 464 allievi, distribuiti nelle palestre del Villaggio degli Sposi, Borgo Palazzo, Azzano, Cene, Cologno al Serio, Curno, Grassobbio, Orio al Serio, San Pellegrino, Seriate, Spirano, Verdellino, Verdello. L'abbonamento ha validità da ottobre a maggio, con pagamento trimestrale di 90 euro per chi frequenta una volta la settimana (esiste anche una tessera da 85 euro per 10 lezioni da seguire «dove e quando vuoi»).

Leggi di più su L'Eco di domenica 16 ottobre

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags