Domenica 06 Novembre 2011

Trovata morta in casa
dopo due giorni a Bottanuco

Non rispondeva alle chiamate della figlia da qualche giorno, e quando l'ha raggiunta in casa, l'ha trovata senza vita. Colta da malore è improvvisamente morta Gisela Kaidel, originaria della Germania, vedova Sambugaro di 68 anni che abitava da sola a Bottanuco in una villetta a schiera in via Madre Teresa di Calcutta.

La donna rimasta vedova si era trasferita 15 anni fa con i figli Thirsa e Marco nel paese Bergamasco. La figlia abita a Treviglio con la sua famiglia e il figlio Marco, già affermato giocatore di basket in varie squadre italiane della Lega A1 e A2 e attualmente dirigente sportivo di una società italiana di pallacanestro risiede e Rimini. La figlia Thirsa, tutti i giorni era in contatto con la mamma si sentivano di frequente telefonicamente e sembra che l'ultima volta, mamma e figlia si sono viste sabato scorso proprio a Bottanuco.

La figlia ha iniziato a preoccuparsi in questi ultimi giorni quando la mamma non rispondeva alle numerose chiamate telefoniche e venerdi sera ha raggiunto Bottanuco e la casa della mamma. Quando è entrata è entrata l'ha trovata senza vita. E' stato allertato il 118, il personale sanitario arrivato sul posto purtroppo ha dovuto constatare solo la morte della signora. Secondo secondo il medico dell'Asl, il decesso dovrebbe risalire alle ultime 48 ore. Un sopralluogo è stato effettuato dai carabinieri della stazione di Capriate San Gervasio.

La salma è stata rimossa dal servizio onoranze funebri San Vittore e composta nella sala del commiato del cimitero di Bottanuco e lunedi mattina si svolgerà il funerale civile. La signora Gisela era conosciuta da numerose persone di Bottanuco, soprattutto quelle che abitano nella zona di via Calcutta e oggi raggiungeranno il cimitero per una preghiera. Il sindaco Sergio Mariani a nome degli amministratori e della comunità di Bottanuco esprime le più vive condoglianze ed è vicino al dolore dei figli Thirsa e Marco.

e.roncalli

© riproduzione riservata