Sabato 28 Aprile 2012

Le auto blu a Bergamo?
Sono poche e malandate

Quante sono le auto blu a Bergamo? Poche, e di un blu abbastanza sbiadito. Nemmeno il sindaco dispone della classica auto blu dedicata con autista e lampeggiante, ma usa una delle quattro macchine di rappresentanza che - a seconda delle necessità - ruotano tra gli assessori e i funzionari comunali.

In Provincia le auto blu sono tre, e diventeranno due a maggio. Gli Ospedali Riuniti hanno un'auto di rappresentanza a disposizione della direzione generale, così come l'Asl di Bergamo. Le vere spese - e talvolta gli sprechi - delle amministrazioni pubbliche riguardo al parco macchine non vengono tanto dalle auto blu comunemente intese, ma dai numerosi veicoli di servizio impiegati nei compiti più disparati: dalle jeep della Protezione civile alle auto della polizia locale, ai mezzi per la manutenzione delle strade, a quelli usati dagli ospedali per la consegna di materiale biologico.

Solo la Provincia ha 175 auto, così suddivise: 74 per la viabilità e i trasporti (compresi furgoni e mezzi di lavoro), dieci per la manutenzione dell'edilizia scolastica, 33 per la Polizia provinciale, 15 per gli affari regionali (in cui rientrano le auto di rappresentanza per i funzionari), 13 per l'assessorato all'Agricoltura (servono perlopiù per sopralluoghi), sei per l'assessorato all'Ambiente, dieci per quello alla Cultura - impiegate soprattutto per consegnare i libri del prestito interbibliotecario - 11 per la Protezione civile e tre per l'assessorato Caccia Pesca e Sport, usate per i rilievi sulla fauna selvatica.

Un parco macchine vecchio, come spiega lo stesso capo di gabinetto della Provincia, Lucio Brignoli: «A eccezione delle macchine della polizia locale e della Protezione civile, molte auto sono così malandate che preferiamo tenerle parcheggiate, perché costerebbero troppo di manutenzione. Nel 2012 è in atto un piano per dismettere le auto vecchie: con un noleggio lungo, a determinate condizioni, si risparmia».

Leggi di più su L'Eco di sabato 28 aprile

m.sanfilippo

© riproduzione riservata