Giovedì 05 Luglio 2012

Latrati di cane e peli di gatto
E il condominio diventa un ring

Dicono che la causa scatenante sia stato il cane, troppo insistente nel suo abbaiare quando quelli del piano di sotto lo lasciavano da solo sul terrazzo; tanto che tutto il palazzo se n'era più volte lamentato.

E però, recriminano i proprietari dell'animale, pure quelli del piano di sopra mica scherzavano coi peli del gatto che precipitavano sul balcone e lo scalpiccìo della bimba, anche quello molto fastidioso.

I rancori tra vicini, trasformatisi via via in piccole ossessioni trattenute a fatica, sono esplosi il 21 febbraio di due anni fa, quando il condominio di via Ziliotto a Orio al Serio per qualche ora s'è improvvisamente trasformato in un saloon, teatro di una scazzottata che ha prodotto nuovi livori e numeri buoni per verbali di polizia e referti medici: cinque feriti medicati al pronto soccorso, cinque denunciati finiti in un processo per rissa, lesioni e minacce.

Mica male come manifesto dell'esasperazione di vicinato, ormai una piaga. La dichiarazione di guerra tra vicini era già avvenuta da tempo: una guerra fredda, combattuta con sguardi torvi, saluti tolti, insulti, screzi. Quel giorno la strategia della tensione sconfina però nel pugilato da osteria.

Tutti i dettagli su L'Eco di Bergamo del 5 luglio

r.clemente

© riproduzione riservata