Lunedì 23 Luglio 2012

I 2.500 beagle di «Green Hill»
si può fare richiesta di adozione

I 2.500 beagle dell'allevamento di Green Hill potranno essere affidati dai prossimi giorni. La procura della Repubblica di Brescia ha dato alle associazioni denuncianti Lav e Legambiente la custodia giudiziaria dei cani che man mano potranno uscire dall'allevamento per la vivisezione.

Il Corpo Forestale dello Stato è stato incaricato della redazione dei verbali di affidamento con i microchip dei singoli animali che saranno consegnati. Per affrontare questa emergenza - l'Autorità Giudiziaria ha posto sotto sequestro anche il mangime, disponibile per soli 60 giorni - e sostenere il più grande atto giudiziario in tema di diritti degli animali in Italia, le Associazioni hanno intenzione di coinvolgere tutto il mondo animalista e ambientalista e già da lunedì 23 luglio riuniranno a Roma il Coordinamento Fermare Green Hill con «Vita da cani», Occupy Green Hill, il Comitato Montichiari contro Green Hilll e le sigle della Federazione Italiana Diritti Animali e Ambiente (Enpa, Leidaa, Lega nazionale difesa del cane, Oipa).

Sui siti e nelle sedi nazionali delle Associazioni e dei Comitati elencati sarà quindi possibile ora e ufficialmente candidarsi ad adottare un beagle liberato da Green Hill: cuccioli, fattrici, cani adulti e i cani che erano già pronti e in partenza per essere oggetto di sperimentazione.

L'operazione ribattezzata «SOS Green Hill» è molto gravosa: la Procura ha dato l'affidamento a titolo gratuito, e costerà alle Associazioni e ai Comitati che conteranno sul sostegno di iscritti, sostenitori e cittadini. La Procura della Repubblica di Brescia mantiene il sequestro probatorio dell'allevamento e dei cani nella struttura affidato per le responsabilità giuridiche a Comune di Montichiari, Asl, e società Green Hill.

Per descrivere le caratteristiche dell'operazione «SOS Green Hill» e l'affidamento dei cani beagle è indetta una conferenza stampa a Roma mercoledì 25 luglio alle ore 11 in una sede da definire.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata