Vacanze truffa: al Telefono Blu si sono rivolti mille bergamaschi

Vacanze truffa: al Telefono Blu si sono rivolti mille bergamaschi

Sono un migliaio i turisti bergamaschi che, insoddisfatti del trattamento ricevuto durante le vacanze, si sono rivolti al Telefono Blu-Sos consumatori della Lombardia. Su 2.200 segnalazioni (per un totale di 11 mila persone) duecento - pari all’8 per cento - sono arrivate proprio da residenti in Bergamasca e hanno coinvolto appunto circa mille di persone. Le inadempienze segnalate quest’anno (il 5 per cento in più del 2005) vanno dalle più gravi (disdette improvvise, fallimenti di agenzie, truffe e raggiri) a semplici segnalazioni (per esempio rumore e inquinamento, oppure mancanza di parcheggi). I turisti orobici nel 26 per cento dei casi si sono lamentati dei viaggi a pacchetto, segnalando disdette, contratti non rispettati, fallimenti e vere e proprie truffe. Nel 22 per cento dei casi si sono lamentati per l’insufficienza qualità del servizio; il 20 per cento ha avuto problemi con i trasporti, il 16 per cento non ha apprezzato la ricettività, il 10 per cento ha indicato emergenze ambientali, il 5 per cento i prezzi troppo alti. Se i lombardi in generale hanno avuto da ridire su località straniere nel Mediterraneo, ai Caraibi o nelle capitali d’Europa, i bergamaschi hanno segnalato disagi soprattutto nelle località alpine.La vostra vacanza è stata una disavventura, vi sentite truffati: scriveteci(30/08/2006)

© RIPRODUZIONE RISERVATA