Mercoledì 17 Ottobre 2012

Distretto Asl in Valle Seriana:
firmato l'accordo, va al S. Biagio

Gli assessori regionali Daniele Belotti (Territorio e Urbanistica) e Luciano Bresciani (Sanità) hanno firmato l'accordo di programma per la nuova sede del distretto socio-sanitario della Valle Seriana Superiore e della Valle di Scalve, che sarà ospitata in una porzione dell'ex ospedale S. Biagio di Clusone, di proprietà del Comune di Clusone.

L'accordo di programma è stato sottoscritto, oltre che da Regione Lombardia, da Paolo Olini, sindaco del Comune di Clusone, Mara Azzi, direttore Asl di Bergamo, e da Oscar Bianchi, presidente Avis provinciale di Bergamo. Il via libera al testo dell'intesa fa seguito al provvedimento, approvato sempre dalla Giunta regionale lo scorso 30 maggio.

L'attuale sede del distretto infatti, così come segnalato a suo tempo dai firmatari dell'accordo oltre che dal sindaco di Clusone, Olini, non è più adeguata né per gli spazi né per l'accessibilità.

«Un segno di attenzione per il territorio - ha detto il sindaco -, perché ora possiamo contare su un punto decentrato per la raccolta di plasmaferesi, a servizio della nostra comunità. Un'idea nata per dare un servizio al Distretto e ai nostri Servizi sociali del Comune. Siamo molto soddisfatti, anche perché l'accordo è nato ed è stato raggiunto velocemente, in un solo anno. Quello che interessava a noi era restaurare l'immobile, dare la sede al Distretto e, vista la crescita dei bisogni sociali, venire incontro alla comunità in questo ambito».

CITTADELLA SANITARIA - I lavori per realizzare una nuova sede del Distretto adeguata da un punto di vista funzionale, organizzativo e dimensionale verranno dunque effettuati sulla parte di edificio, in cui aveva sede l'ex Pronto soccorso dell'ospedale San Biagio, attigua all'area che oggi ospita la nuova Rsa Sant'Andrea.
Nella nuova struttura, oltre al distretto Asl, troveranno collocazione anche gli uffici dei Servizi sociali del Comune di Clusone e la sede dell'Avis. Si verrà così a creare una 'cittadella sanitaria', che rappresenterà un punto di riferimento univoco per tutti i cittadini dell'Alta Val Seriana.

SERVIZI IN PIÙ PER I CITTADINI - «Per realizzare questo intervento - spiega l'assessore Bresciani - l'impegno finanziario di Regione Lombardia sarà di 1,8 milioni di euro, somma che coprirà l'intero costo dell'operazione. Era un impegno già preso mesi fa che abbiamo rispettato».

Soddisfatto l'assessore Belotti: «In una situazione complessivamente difficile per la scarsità di risorse siamo riusciti, in un anno, soltanto a portare a compimento questa importante iniziativa, che va a offrire un servizio socio-sanitario di primo livello in tutta l'alta Val Seriana. Un risultato ottenuto con un gioco di squadra perfetto, frutto dell'impegno del sindaco di Clusone Paolo Olini e del coordinamento tra la Regione e la direttrice dell'Asl di Bergamo Mara Azzi».

«Con questo atto concreto - commenta l'assessore all'Ambiente, Energia e Reti Marcello Raimondi - dimostriamo la nostra vicinanza al territorio in un settore fondamentale come quello socio-sanitario. Il nostro impegno è sempre quello di garantire i servizi più adeguati ai nostri cittadini».

r.clemente

© riproduzione riservata