Domenica 10 Febbraio 2013

Liam se n'è andato nel sonno
In stato vegetativo, aveva 9 mesi

Avrebbe compiuto 9 mesi mercoledì prossimo.  Invece nella notte tra giovedì e venerdì il cuoricino di Liam Poli ha smesso di battere improvvisamente mentre stava dormendo nel suo letto, ad Albano Sant'Alessandro.

Il bambino, già affetto da problemi di salute, è stato colto da un arresto cardiaco nel sonno. A trovarlo esanime, intorno alle 6 di venerdì, è stato il papà Mirko, 38 anni, originario della Celadina.

L'allarme al 118 è stato immediato e i soccorsi sono intervenuti subito sul posto con un'automedica: per il bimbo, purtroppo, non c'è stato nulla da fare. Il decesso – stando a quanto spiegato dalla famiglia – sarebbe avvenuto poco prima delle 6.

Un epilogo triste per una storia di dolore e speranza che la famiglia Poli ha affrontato in questi mesi con grande coraggio e soprattutto amore. Fin dal momento della sua nascita infatti Liam era «in stato vegetativo per problemi subentrati al momento del parto – ha riferito la mamma Elisa, 39 anni –. Fino a quel momento, infatti, la gravidanza si era svolta regolarmente».

La camera ardente è stata allestita nell'abitazione: il corpicino di Liam è avvolto da una coperta di color avorio e celeste e si trova all'interno di una piccola bara bianca. Il funerale Liam sarà celebrato lunedì alle 15 nella parrocchiale di Albano e la salma sarà tumulata nel cimitero locale.

Ora i genitori hanno il legittimo desiderio di fare chiarezza sulle cause della morte del bimbo. «Nostro figlio era sano fino al momento del parto: sempre durante il parto, quando era ancora in pancia, Liam è rimasto senza ossigeno per circa tre minuti. Dopo la sua nascita convulsioni ed è stato intubato. I medici ci hanno detto che, purtroppo, queste complicazioni avvenute al parto non erano prevedibili. Da quel momento Liam è sempre rimasto in stato vegetativo».

Tutto su L'Eco di Bergamo del 10 febbraio

r.clemente

© riproduzione riservata