Martedì 26 Febbraio 2013

Scossa di terremoto: zero danni
Epicentro tra Predore e Montisola

Scossa di terremoto lunedì 25 febbraio in tarda serata, quanto c'era ancora tanta gente davanti agli schermi di computer e tivù per seguire gli esiti del voto e dello «tsunami» Grillo. Secondo gli strumenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Invg), si è trattato di una scossa di 3.1 di magnitudo, partita alle 23,19 minuti e 25 secondi nel distretto sismico delle Prealpi lombarde: l'epicentro è proprio a metà strada tra le province di Bergamo e Brescia, praticamente a Montisola.

Le coordinate 45.685° Nord e 10.068° Est, infatti, corrispondono all'isola, a metà strada in linea d'aria tra Predore, sulla nostra sponda del lago, e Pilzone, su quella bresciana. La scossa è partita a una profondità di 2.8 chilometri, quindi molto superficiale e chiaramente avvertita fino a Bergamo e Brescia. Più forte, chiaramente, l'hanno sentita gli abitanti dei paesi situati in un raggio di 10 chilometri attorno all'epicentro: tutti quelli del lago d'Iseo e della vicina Franciacorta.

Ben avvertita anche in Val Calepio, in Val Cavallina ma anche nella bassa Val Seriana e, appunto, nei palazzi ai piani più alti di Bergamo. Numerose telefonate sono arrivate nei minuti successivi anche al centralino del nostro giornale, per avvertire del terremoto. Prontamente si è scatenata l'allerta sui social network, da Facebook a Twitter.

Parecchie chiamate anche ai centralini delle forze dell'ordine e dei vigili del fuoco, ma fino a ieri, a notte ormai inoltrata, nessun danno era stato segnalato né a edifici storici, né a infrastrutture e, tantomeno, danni a persone. Le telefonate ai centralini erano soprattutto per comunicare la scossa e per chiedere eventuali rassicurazioni.

Ecco i Comuni bergamaschi coinvolti dalla scossa, in un diametro di dieci chilometri dall'epicentro: Fonteno, Parzanica, Predore, Riva di Solto, Tavernola e Vigolo, ma anche nel Bresciano Corte Franca, Iseo, Paderno e Sulzano.

Tra i venti km dall'epicentro, coinvolti i comuni di Adrara San Martino, Adrara San Rocco, Berzo San Fermo, Bianzano, Borgo di Terzo, Bossico, Casazza, Castelli Calepio, Castro, Cerete, Costa Volpino, Credaro, Endine Gaiano, Entratico, Foresto Sparso, Gandosso, Gaverina Terme, Grone, Lovere, Luzzana, Monasterolo, Pianico, Ranzanico, Rogno, Sarnico, Solto Collina, Sovere, Spinone al Lago, Viadanica, Vigano San Martino e Villongo.

Leggi di più su L'Eco di martedì 26 febbraio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags