Giovedì 02 Maggio 2013

«Rivoluzione civile» chiude
Ingroia apre «Azione civile»

«I soggetti che hanno dato vita a Rivoluzione Civile hanno deciso all'unanimità di considerare conclusa questa esperienza. Il risultato insoddisfacente delle elezioni politiche del febbraio scorso ha indotto ognuna delle componenti a una riflessione profonda della nuova fase politica al proprio interno». Così una nota congiunta.

La nota, firmata da Antonio Ingroia (Azione Civile), Angelo Bonelli (Verdi), Luigi De Magistris (Movimento Arancione), Oliviero Diliberto (Pdci), Antonio Di Pietro (Idv), Paolo Ferrero (Prc) e Leoluca Orlando (Rete2018), prosegue: "Si è preso atto che le scelte strategiche future dei singoli soggetti sono incompatibili con la prosecuzione di un progetto politico comune, quanto meno nell'immediato. Resta intatta la stima reciproca tra tutte le forze che hanno dato vita a RC e la volontà di mantenere comunque interlocuzioni finalizzate al profondo cambiamento politico, culturale e sociale dell'Italia. Resta inoltre forte il convincimento che nel nostro Paese la presenza in Parlamento di rappresentanti delle forze unite attorno a Rivoluzione Civile avrebbe portato un arricchimento importante al dibattito per la realizzazione di una legislazione avanzata sul terreno dei diritti sociali e civili, della legalità, dell'etica nella politica e di un nuovo impianto istituzionale. Il contrario - conclude la nota - di quanto purtroppo è avvenuto".

E poco dopo Antonio Ingroia ha presentato a Roma la sua nuova formazione politica, Azione civile, dopo l'annuncio dello scioglimento di Rivoluzione civile. Azione civile è definito «movimento civico puro», con una struttura leggera di gruppi territoriali su singoli temi (ambiente, legalità). Sulla scelta fra politica e magistratura, Ingroia attende le decisioni di Tar e Csm, ma non vede un suo ruolo in magistratura fuori dalla lotta alla mafia e quindi non accetta il trasferimento ad Aosta. (ANSA).

a.ceresoli

© riproduzione riservata