Sabato 04 Maggio 2013

Dal Qatar al Nepal: che bella città
Per l'Expo delegazioni di 45 Paesi

Partiamo coi fondamentali: «Secondo la pronuncia cinese, la vostra città si chiama Bergàmo. Dovremo spiegare dove sta l'accento». Sorride, il delegato impegnato negli incontri in vista dell'Expo. È tempo di pausa pranzo all'i.lab dell'Italcementi, per due giorni diventato il cuore della manifestazione milanese del 2015: qui sono arrivati 150 delegati da 45 Paesi, per incontrare il team di Expo e i «global partner», e definire nel dettaglio regole e caratteristiche dei padiglioni da costruire.

Le rappresentanze hanno dormito in alberghi cittadini, e qualcuno ne ha approfittato anche per una toccata e fuga tra le bellezze della città: «Siamo stati in Città Alta, splendida la piazza, abbiamo mangiato benissimo», racconta il sottosegretario e capodelegazione del Qatar, mentre l'assistente estrae il telefonino con cui ha immortalato l'insegna di un noto ristorante. «La vista dalle Mura è meravigliosa, e la struttura che sta ospitando gli incontri un'eccellenza. Inseriremo tutto questo nel nostro lavoro in vista dell'Expo».

Intanto ieri, dopo la «plenaria» di giovedì, ci sono stati gli incontri bilaterali tra i rappresentanti dei vari Paesi e gli organizzatori. Tra le stanze risuona molto inglese: anche su questo fronte (oltre che su orari e abitudini) bisognerà attrezzarsi in vista del 2015, per esempio a partire dai menu dei ristoranti, come faceva notare giovedì in conferenza stampa l'assessore provinciale al Turismo, Giorgio Bonassoli.

Molti dei delegati ammettono che è la prima volta che «incontrano» Bergamo: si può quindi dire che questo evento è un «trampolino di lancio» per il nome (e i sapori, e i paesaggi) della nostra città. La conferma arriva dal gruppo cinese, che ha riscontrato «un'atmosfera molto amichevole». La delegazione del grande Stato asiatico è di certo tra quelle da tener d'occhio: per Expo l'obiettivo è infatti portare qui un milione di cinesi (oggi ne vengono in Italia 300-400 mila l'anno).

Leggi di più su L'Eco di sabato 4 maggio

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags