Lunedì 17 Giugno 2013

4.000 chilometri di anticiclone
«Caldo africano» fino a giovedì

«Il caldo africano entra nel vivo e fino a giovedì non darà tregua». Lo dice in una nota il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera. L'Italia per altri quattro giorni dovrà fare i conti con la prima vampata di calore africana. Le temperature, dicono da 3bmeteo.com, potranno raggiungere i 30 gradi su oltre il 70% dei capoluoghi di regione.

In una prima fase la calura si farà sentire soprattutto su Valpadana, Emilia Romagna, Sardegna e zone pianeggianti di Toscana e Lazio con valori che potranno raggiungere i 34/36 gradi. Da giovedì, invece, si concentrerà al Centro Sud e sulla Romagna.

«Due le particolarità di questa ondata di calore - dice Nucera di 3bmeteo.com - La prima è l'imponenza dell'anticiclone, lungo più di quattro mila chilometri che dall'entroterra libico attraverserà mezza Europa fino a raggiungere la Scandinavia. La seconda è che il caldo è arrivato quasi all'improvviso, interrompendo bruscamente un lungo periodo instabile e piovoso».

Ma secondo l'esperto non si può parlare di ondata di caldo record a priori: «Bisognerà aspettare la sua conclusione per vedere i valori di temperatura raggiunti, anche se con ogni probabilità sarà intensa ma non eccezionale».

La roccaforte del caldo riguarderà Serbia, Romania, Bulgaria, Germania, Austria, Ungheria e Repubblica Ceca con temperature anche superiori ai 10 gradi rispetto alle medie stagionali.

L'ondata di calore si smorzerà tra giovedì e venerdì, quando aria fresca innescherà temporali al Nord e su parte del Centro. Solo da domenica tutta l'Italia uscirà da questa prima vampata dell'anticiclone africano grazie all'arrivo di venti freschi di Maestrale.

Secondo l'esperto per il resto del mese vivremo temperature più accettabili.

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags