Mercoledì 19 Giugno 2013

Miss «a quattro zampe»
A Cazzano il titolo mondiale

Ha i colori rosso e bianco del setter irlandese, ma ha portato in Val Gandino i colori dell'iride. Ha conquistato il titolo di campionessa del mondo junior la cagnetta Anny, 15 mesi, coccolata a Cazzano Sant'Andrea dalla proprietaria Alessandra Coter e dal marito Eliano Merelli.

Il prestigioso premio è arrivato a Budapest, dove Anny ha partecipato allo World Dog Show 2013, un vero e proprio campionato del mondo cui erano presenti ben 17.000 cani provenienti da oltre 70 Paesi.

“E' un'esperienza partita in maniera quasi casuale – spiega Eliano, che ha accompagnato Anny in qualità di handler durante le varie prove – che ha finito per appassionarci al punto che al momento della proclamazione del verdetto di vittoria, da parte della giudice lituana Ligita Zake, non ho trattenuto la commozione. Il contesto del grandioso Hungexpo, gli inni nazionali, le bandiere e i premi sono stati davvero memorabili”.

Anny ha prevalso nella finalissima contro una rivale della Croazia. E' nata nel 2012 in Svizzera, nell'allevamento di Lidia e Carmen Lorenzi e a Cazzano ha trovato a farle da “chioccia” Eva, un setter irlandese classico di 4 anni che vanta, tanto per gradire, il titolo di campionessa italiana, ottenuto quest'anno con sei prove.

“Da sempre ci unisce la passione per i cani – spiegano i coniugi Merelli, originari di Vertova – e grazie al suggerimento di un veterinario ci siamo avvicinati alle prove ENCI, l'ente cinofilo nazionale che nel 2015, in coincidenza con l'EXPO, organizzerà il mondiale a Milano. Il presidente nazionale Francesco Balducci ha gioito con noi a Budapest”. La casa di Cazzano, dove vivono anche i figli Elisa di 19 anni e Marcello di 17, è costruita a misura delle due “principesse” a quattro zampe.

“Ci sono aspetti impegnativi – sottolinea Merelli – a cominciare dalla dieta, pesata e misurata e dall'allenamento quotidiano di circa un paio d'ore. Anny, secondo gli esperti, ha potenzialità enormi dopo questo titolo di bellezza. Dovrò essere all'altezza anche come “handler”, perché l'emozione gioca brutti scherzi e può incidere anche sul comportamento del cane”. Il prossimo anno il mondiale sarà in Finlandia: la caccia è già cominciata.

a.ceresoli

© riproduzione riservata