Venerdì 05 Luglio 2013

Averara assume otto asini
Sfalceranno i prati d'estate

Mancano i contadini, quelli che una volta, d'estate, sfalciavano l'erba con la «ranza» e preparavano il fieno per l'inverno. Averara ormai non ha più allevatori di bovini – se non pochi appassionati che tengono, però, due o tre capi – così i pascoli sono sempre più abbandonati e i boschi avanzano verso le case. Da qui l'idea, anzi un vero e proprio progetto denominato «Averara green», per dare una ripulita ai prati e contrastare l'avanzata dei boschi.

Protagonisti dell'operazione otto asini che l'Amministrazione comunale si è fatta prestare da un'azienda di Camerata Cornello. Saranno loro, sotto la supervisione di alcuni pensionati volontari del paese, a ripulire fino a ottobre prati e pascoli, peraltro privati, del paese. Arriveranno domani e, poi, già da domenica, a quanto pare, saranno subito al «lavoro».

L'abbandono della montagna e lo spopolamento causano anche questo: la necessità di dover far arrivare animali da fuori per cercare di contrastare l'avanzata del bosco. Tanto che il sindaco Mauro Egman, rivolgendosi con un avviso ai proprietari privati delle aree, parla di «degrado attorno all'abitato», auspicando «la collaborazione al progetto che proseguirà solo in base alle disponibilità concesse».

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags