Sabato 20 Luglio 2013

Amici di Santina Zucchinelli
A Roma è nata l'associazione

Un sodalizio intestato alla memoria di una straordinaria donna bergamasca, Santina Zucchinelli, per far conoscere la sua figura umana e spirituale, ma anche per fare un aiuto ai luoghi santi di Gerusalemme, per lenire le patologia cardiovascolari e dare speranza al mondo dell'immigrazione in Italia.

Con questi scopi è nata a Roma l'Associazione Onlus Amici di Santina Zucchinelli. L'atto costitutivo è stato firmato lo scorso giovedì 18 luglio nella capitale.

Della vicenda di Santina Zucchinelli, scomparsa lo scorso dicembre, si è occupato a più riprese anche L'Eco di Bergamo. Nel 2005 subì un'operazione a cuore aperto, entrò in coma, rimase 9 mesi in ospedale 3 dei quali in rianimazione, prima di riaffacciarsi nuovamente alla vita.

La malattia non le aveva impedito di comunicare – con sguardi e sorrisi abbozzati – e si è trasformata in forza, capace di scuotere gli animi di chi le stava attorno, una sofferenza provocatrice da una sedia a rotelle che ha spronato tanti a fare opere di carità. La sua storia è stata raccontata dal figlio sacerdote, monsignor Luigi Ginami, da anni impegnato agli Affari Generali nella Segreteria di Stato del Vaticano.

Sull'anziana mamma ha scritto numerosi testi, editi anche all'estero, che sono un diario personale, un colloquio intimo e spirituale. Il sito www.rocciadelmiocuore.it ne racchiude numerosi stralci.

Con il figlio monsignor Luigi, Santina aveva compiuto una quarantina di viaggi a Oriente e Occidente (Lourdes, Gerusalemme, Mar Rosso, Grecia, Tunisia, Kenya, Brasile per citarne alcuni) coprendo 140.000 km . Aveva portato in ogni angolo del mondo la sua sofferenza conoscendo quella degli altri. E proprio grazie alla sua presenza e alla sua testimonianza di sofferenza aveva comunque potuto farsi promotrice di numerose opere di carità e donazioni.

Altre info clicca qui

r.clemente

© riproduzione riservata

Tags