Giovedì 05 Settembre 2013

Seriate, consigliere aggredito in centro
Tensione alta, servono più controlli

Ha avuto paura, ma le cose potevano prendere una piega bruttissima. È andata bene, e Damiano Amaglio, consigliere comunale di Seriate, non ha sporto denuncia. Ma non ha esitato un giorno di più a informare l'amministrazione comunale, e a trasmettere un messaggio forte e chiaro: «Si agisca, si presidi maggiormente il territorio».

Amaglio domenica scorsa era in Piazza Bolognini nella sede della sua Lista Albatro. Alle 8.40 un giovane, ricevuto diniego alla richiesta di soldi e sigarette da parte del proprietario dei locali, ha iniziato a «inveire, spingere, minacciare, urlare». Amaglio è intervenuto e nella concitazione ha chiamato i carabinieri.

«Sotto gli occhi di diverse persone, non in un vicolo buio, in piena domenica mattina - ha detto Amaglio -, ho provato cosa significhi essere solo. E assicuro che non è stato divertente; e non c'è nulla di cui mi senta orgoglioso se non l'aver scoperto di saper gestire la paura. Perché ne ho avuta. Poi dopo la paura viene la rabbia, la mortificazione, la delusione. Ora sarà il caso di aprire un dibattito su cosa sia la nostra comunità».

Altrettanto amaro il commento di Stefano Loglio presidente dell'Associazione Seriate Recuperare il Centro Storico: «L'episodio conferma che nonostante tutto il nostro impegno di questi anni la tensione sociale rimane alta e i problemi da risolvere molti».

«Voglio assolutamente che ci sia almeno una pattuglia di vigili in servizio fino alla una di notte e non fino alle 21 o alle 22. È una priorità»: sbotta il vicesindaco Nerina Marcetta. Che riferisce di aver trattato la sicurezza dei cittadini in Giunta la scorsa settimana.

e.roncalli

© riproduzione riservata