Giovedì 10 Ottobre 2013

Nuova legge, contro l'azzardo
la firma dei sindaci

Sindaci uniti nella campagna no slot e firmano la proposta di legge di iniziativa popolare per la tutela della salute dal gioco d'azzardo, promossa da Lega autonomie Lombardia, Terre di Mezzo e Scuola delle buone pratiche. A Milano la sottoscrizione e il lancio della proposta di legge, a cui hanno partecipato il Comune di Bergamo, quello di Treviglio e altri Comuni della Bergamasca.

L'incontro si è tenuto a Palazzo Marino, dove un centinaio di sindaci lombardi ha firmato simbolicamente per la legge. Alla sottoscrizione seguirà l'avvio di una raccolta firme rivolta ai cittadini per la «tutela della salute degli individui tramite il riordino delle norme vigenti in materia di gioco con vincite in denaro - gioco d'azzardo». Positivo il commento di chi ha partecipato: «È andata molto bene, c'è stata una presa di posizione da parte dei sindaci - commenta Luisa Pecce, consigliere comunale Lega Nord e presidente del Consiglio delle donne, in rappresentanza del Comune di Bergamo -. Gli organizzatori dell'iniziativa hanno voluto che indossassimo la fascia tricolore, perché l'ultima sentenza del Consiglio di Stato insiste sul fatto che non i sindaci ma i questori possono presidiare gli interessi di particolare rilievo pubblico che coinvolge il settore del gioco, come per esempio l'orario delle sale».

La consigliera parla di un'azione «potente e simbolica»: «La forza dell'unione dei sindaci è il portare avanti le istanze, in modo che si possa legiferare - continua Pecce -. Si è parlato di una lobby dei sindaci contro quella del gioco d'azzardo. Il fatto che ci siano due proposte di legge contro il gioco è uno stimolo, unito ad un'azione potente e simbolica».

Presente anche il sindaco di Treviglio Giuseppe Pezzoni, che invita i cittadini a sottoscrivere la proposta già da oggi: «Ci siamo mossi in anticipo con il Consiglio delle donne e mozioni in Consiglio - commenta Pezzoni -. Da subito è possibile recarsi in municipio e sottoscrivere la proposta, per aiutare i Comuni e per non far pagare ai più deboli questa "tassa della speranza", che è la ludopatia. Abbiamo altre iniziative in atto, come momenti di formazione nelle scuole, per rendere consapevoli, dai piccoli ai grandi, il livello di rischio legato al gioco».

A rappresentare i sindaci della provincia, Leonio Callioni, presidente del Consiglio di rappresentanza dei sindaci (Cdrs) e assessore ai Servizi sociali del Comune di Bergamo. «È un'iniziativa utile perché concreta e rappresenta la posizione dei sindaci che hanno aderito al documento dei Comuni bergamaschi per il contrasto al gioco d'azzardo promosso dal Cdrs e che rappresentano quasi il 90% della popolazione», commenta Callioni. Il presidente del Consiglio di rappresentanza dei sindaci è convinto che «con una nuova legge si possono ottenere risultati effettivi, altrimenti si va avanti nella logica che i Comuni sono responsabili di tutto, ma non hanno potere di imporre un regolamento che abbia efficacia. È un'ottima iniziativa - conclude - che avremmo dovuto fare anche con altri temi, come per esempio il patto di stabilità».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags