Martedì 05 Novembre 2013

Treni, più di 20 minuti di ritardo
Lunghe attese e niente riscaldamento

«Un sintetico aggiornamento sulla terrificante situazione dei pendolari di Bergamo. Martedì 5 novembre il treno delle 7,16 è infelicemente approdato a Lambrate con più di 20 minuti di ritardo. In effetti trasportare 5 carrozze a destinazione stracolme di viaggiatori per le scoppiate locomotive di Trenord è una missione impossibile...».

«Non è possibile che solo quando ci sono le telecamere di Bergamo Tv sul treno Trenord si dia una mossa e solo per pochi giorni..., quel tanto che basta per far passare la tempesta... I muli bergamaschi ringraziano per l'ennesima presa in giro. Redazione aiutateci a tenere alta l'attenzione su questo scandalo quotidiano». Ecco la lettera integrale del pendolare che ci scrive.

«Buongiorno, sono un pendolare e scrivo anch'io per denunciare il tremebondo stato in cui versa la linea Bergamo-Milano. Alla mattina e alla sera i treni arrivano in orario ormai per sbaglio, visto che devono dare la precedenza non solo ai possenti FrecciaRotta di Trenitalia, ai lussuosi Italo ma ormai anche al locale per Pizzighettone che se sbaglia rotaia e finisce sulla nostra direttrice ha assoluto e inderogabile diritto di passare davanti ai treni dei bergamaschi».

«A dicembre dell'anno scorso i geni del male che dirigono Trenord ci hanno fatto passare due surreali settimane di inferno alla rincorsa di un qualsiasi treno che riuscisse a partire e fors'anche ad arrivare. Ci è stato spiegato che il delirio nasceva dall'adozione di un nuovo software senza passare per prove, test e neanche dal via, visti gli orrendi risultati».

«Ebbene, ma qualcuno di quei dirigentoni ha pagato per i milioni di euro sprecati, non dico i nostri per i ritardi al lavoro, ma quelli di Trenord (e indirettamente ancora nostri) che a marzo di quest'anno ha rimborsato dai 20 ai 25 euro a tutti i pendolari?».

«Quest'estate non solo l'aria condizionata era sulle carrozze un'optional introvabile ma ogni viaggio era allietato dalla puzza pestilenziale dei freni dei vagoni che andavano regolarmente a fuoco e con puntualità maggiore dei nostri treni. Il sospetto che sorge spontaneo, visto che i soldi non crescono sugli alberi, è che Trenord abbia pesantemente tagliato sulla manutenzione per rientrare dei soldi spesi per pagare i rimborsi che a marzo era stata costretta a dare ai pendolari».

«Ad agosto, zitti zitti hanno fatto passare un piccolo aumento dei biglietti e degli abbonamenti, ma il servizio non è migliorato, anzi è riuscito ulteriormente a peggiorare... In questa ultima settimana non solo il treno delle 7,02 ma anche il 7,16 era costantemente a 5 carrozze. Però..., però il puzzo dei freni bruciati non si sente più.... Vuoi vedere che la soluzione ai freni bruciati che hanno trovato in Trenord è stata quella di infilare nei depositi i vagoni che avevano i freni rotti? Mica aggiustarli, troppo facile...».

«E intanto i treni straboccano di gente dappertutto.... Prendere il 18,10 a Lambrate significa prenotare un posto in piedi per tutto il viaggio.... Ma la regione Lombardia in tutto questo dov'è? Cosa fa? Oltre ad annunciare nuovi treni l'anno prossimo, senza per nulla indicare su quali direttrici saranno messi, se mai saranno messi? Ma qualcuno ci può dare una risposta seria e credibile? Ma qualcuno può fare qualcosa?».

Roberto Di Bella

In mattinata altre due segnalazioni dei pendolari

Dopo averci illuso per un paio di giorni con una carrozza in più, stamattina Trenord ha deciso di castigarci nuovamente con un convoglio di sole cinque carrozze. Risultato scontato: passeggeri in piedi già a Bergamo e ressa a partire da Verdello con i corridoi completamente occupati. Trenord, i "muli" bergamaschi vi ringraziano sentitamente ma sono esasperati dal trattamento a loro riservato. Politici, non credete più alle false promesse di Trenord, pressateli andando a sbattere i pugni sui loro tavoli fino a farvi venire i calli e forse vedremo i miglioramenti sperati.
Luca Maida

Buongiorno il treno in oggetto sta viaggiando da treviglio in poi a velocita' molto ridotta accumulando ritardo. La prima carrozza non ha riscaldamento. Qualcuno deve intervenire.
Lorenzo Rota

m.sanfilippo

© riproduzione riservata

Tags