Venerdì 30 Gennaio 2009

Brebemi, è l'ora degli espropri
Ecco i bergamaschi interessati

L’autostrada Brebemi esce dalle tavole progettuali ed entra nei mappali: è stato pubblicato infatti l’avviso dell’inizio del procedimento dichiarazione di pubblica utilità. La dichiarazione è in sostanza l’anticamera dell’esproprio che consentirà a Brebemi spa di disporre delle aree per realizzare il collegamento autostradale. Un percorso di 62 chilometri: 3,7 chilometri di viadotto, 1,3 in galleria, due connessioni (la tangenziale Est di Milano e il raccordo bresciano Montichiari-Ospedaletto) e sei svincoli. Il tutto per un costo di 1.420 milioni di euro.

Nella nostra provincia Brebemi attraversa i territori di 14 Comuni: Antegnate, Bariano, Calcio, Calvenzano, Caravaggio, Casirate, Covo, Fara Olivana, Fornovo San Giovanni, Isso, Morengo, Pagazzanoe Treviglio. La lista completa dei proprietari delle aree attraversate dal progetto, pubblicata sul Corriere della Sera, il Sole 24 Ore e sui siti internet di Regione e Brebemi, è scaricabile anche sul sito del nostro giornale (www.ecodibergamo.it).

L’avviso di Brebemi definisce tempi e procedure precisi. Il progetto definitivo è depositato nella sede della società a Brescia in via Somalia e i proprietari interessati agli espropri hanno due mesi di tempo per presentare le loro osservazioni (con raccomandata alla sede legale di Brebemi). Sarà la Cal spa (la Concessioni autostradali lombarde nata nel 2007 con capitale partecipato da Infrastrutture lombarde e Anas) a valutare le osservazioni in qualità di soggetto aggiudicatore dell’opera. Leggere questi elenchi, soprattutto se abitate in zona d’attraversamento Brebemi, non è un fatto secondario.

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags