Giovedì 05 Febbraio 2009

Serena card, per gli anziani
un'assicurazione anti-truffe

Continua anche per quest'anno la Bergamo Serena Card, il servizio attivato dal Comune di Bergamo a favore dei cittadini che hanno compiuto i 65 anni. In città si tratta di 27.020 persone che hanno raggiunto questa età al 31 dicembre, pari al 22.9% della popolazione.
Questo servizio è una vera e propria polizza assicurativa, completamente gratuita, che offre un aiuto concreto e immediato a chi ha subito furti in abitazione, oppure è stato vittima di truffe, scippi o rapine.

La polizza comprende diverse prestazioni: dalla consulenza medica all'assistenza psicologica, dalle riparazioni in seguito a scasso all'invio di una collaboratrice domestica. C'è inoltre la possibilità di ricorrere al supporto di un tutor appartenente all'Associazione nazionale carabinieri in congedo che interverrà immediatamente per assistere ed accompagnare l'anziano nell'inoltro della denuncia all'autorità competente.

«Si tratta di un servizio molto importante - ha commentato l'assessore ai Servizi sociali di Palafrizzoni Elena Carnevali - e faccio nuovamente un appello a tutti i bergamaschi: non fidatevi di nessuno e quando qualcuno suona alla porta annunciandosi come personale comunale non aprite e verificate telefonando in Comune». L'appello all'attenzione contro le truffe arriva anche da Arcangelo Di Nardo, vicecomandante della polizia locale, che fornisce anche i dati relativi al 2008: lo scorso anno la Mondial Assistance ha ricevuto 354 chiamate e sono 77 le prestazionie rogate.

A gestire infatti tutta l'operazione di assistenza è la centrale operativa della Mondial Assistance Italia Spa, attiva 24 ore su 24, a cui ci si può rivolgere telefonando direttamente al numero verde 800/277302. L'assicurazione per gli over 65 è in vigore automaticamente, senza bisogno di alcuna richiesta e ha valore fino al 31 dicembre 2010: il servizio, sponsorizzato dal Credito Bergamasco e dall'Associazione nazionale carabinieri in congedo, sarà spiegato a tutti i cittadini che ne hanno diritto attraverso un opuscolo che arriverà nelle loro abitazioni via posta. Per ulteriori informazioni 035/399025-021.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata