Mercoledì 25 Febbraio 2009

Quattro clandestini in 7 case
Denunciati due cinesi a Leffe

Tenevano quattro clandestini in sette appartamenti. I carabinieri della compagnia di Clusone hanno denunciato all’autorità giudiziaria due cinesi, un uomo ed una donna, regolari in Italia, titolari di due laboratori per la rifinitura di biancheria per la casa, con l’accusa di aver favorito la permanenza di clandestini nel nostro Paese.

Da qualche mese i due cinesi avevano affittato sette appartamenti a Leffe dove ospitavano ben 61 connazionali, di cui 4 irregolari. Sono in corso accertamenti per stabilire se gli immigrati venissero sfruttati nelle due aziende tessili.

I due extracomunitari non avevano comunicato al Comune di Leffe di ospitare 14 dei 61 stranieri, che tra l’altro facevano vivere e dimorare in pessime condizioni igienico-sanitarie, tra resti di cibo, sacchi a pelo e letti a castello. Da qui la sanzione al pagamento di una multa. In un appartamento, con due vani ed un solo bagno, i militari hanno accertato che vivevano ben 20 cinesi. I due portavano ai loro connazionali da mangiare direttamente a casa per evitare che i sessanta clandestini uscissero e potessero essere controllati dalle forze dell’ordine e quindi essere espulsi.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata