Giovedì 05 Marzo 2009

Esplosione di Gorle, decisa
la custodia ai «Riuniti»

Ordine di custodia presso gli Ospedali Riuniti di Bergamo. È questo quanto è stato stabilito nei confronti del 54enne bergamasco che lo scorso 2 gennaio fece crollare due palazzine in via Quasimodo, a Gorle, provocando la morte di Elsa Zappella.

Il provvedimento è stato emesso dall’autorità giudiziaria di Bergamo a carico dell’uomo, ancora ricoverato in ospedale per le gravi ustioni riportate nell'esplosione.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata