Mercoledì 18 Marzo 2009

Montisola, frana sul corridore:
sfuma il primato di Marchesi

Sulla sua strada ha trovato un ostacolo imprevisto, un insidioso masso che gli è piombato addosso facendogli sfumare l'ambito record. È finito ko Battista Marchesi, l'atleta sedrinese che dai primi giorni di marzo cercava di battere il primato mondiale di corsa a piedi, detenuto dal francese Serge Girard.

Ha percorso 19.100 chilometri dalla Francia alla Cina in 260 giorni consecutivi. Il sessantaseienne di Sedrina lunedì mattina stava effettuando per l'ennesima volta la strada da Carzano a Siviano a Montisola, sul lago d'Iseo, quando una scarica di sassi è precipitata dalla parete accanto alla salita, colpendolo bruscamente.

Nello specifico l'episodio si è verificato attorno alle 5 del mattino, quando il podista aveva già realizzato tre giri, dei nove che compiva quotidianamente. «La smottamento si è verificato all'altezza del campeggio dopo Carzano - spiega Mauro Rota del gruppo sportivo Altitude -. Un masso di grosse dimensioni improvvisamente s'è staccato dalla parete e l'ha sfiorato. A colpirlo maggiormente e con violenza sono stati i piccoli sassi che sono scesi con la frana e i detriti».

Battista Marchesi ha riportato ferite e contusioni su diverse parti del corpo, in particolare graffi al volto e alle spalle, traumi anche al torace e alla testa per uno stop forzato di 25 giorni. «A quell'ora l'isola è deserta - prosegue Rota -, il rumore dello smottamento ha però attirato l'attenzione di un residente che ha aiutato Marchesi a raggiungere l'abitazione messa a disposizione dell'atleta dal Comune a Carzano».

Durante le prime ore del mattino Marchesi è stato trasportato all'ospedale di Seriate per gli accertamenti e le visite del caso. I medici hanno diagnosticato uno stop forzato di 25 giorni per riassorbire il trauma, uno stop che però non permetterà all'atleta di Sedrina di concludere l'impresa che si era prefisso.

r.clemente

© riproduzione riservata

Tags