Mercoledì 18 Marzo 2009

Nembro, rassegna
dedicata all'handicap

A Nembro da sabato 21 marzo a giovedì 16 aprile si svolge una manifestazione per riflettere sulla disabilità. «Teatro, sport e scuola insieme in un unico percorso teso a mostrare come la presenza di persone con handicap possa essere naturale nella vita di tutti i giorni», sottolineano gli organizzatori. Il titolo della rassegna è «Tanti sguardi per attraversare un unico mondo». L'obiettivo è promuovere spunti di riflessione sulla disabilità.

Quattro le date nel calendario della manifestazione nata dalla collaborazione tra la Coperativa sociale La Fenice di Albino, il Comune di Nembro il Teatro San Filippo Neri, il Gruppo sportivo Amici di Carlo Nembrini e l’ assciazione InOltre.
Sabato 21 marzo alle 20,45 al Teatro San Filippo Neri si tiene lo spettacolo di David Anzalone dal titolo «Targato H». In tono comico, sarà demolita la classificazione di normale e anormale che interviene nella vita di tutti i giorni. Ingresso 15 euro, gratuito sotto i 13 anni.
Domenica 22 marzo sarà invece una camminata non competitiva a dare spazio alla disabilità con la 28ª edizione della Camminiamo Insieme organizzata dal Gruppo Carlo di Nembrini a sostegno delle attività del Centro diurno disabili di Nembro e Gandino. Il ritrovo è alle 8 nella piazza Mercato di Nembro (dietro il Comune).
Sabato 28 marzo sempre al Teatro San Filippo Neri, alle 20.45, la rassegna continua in collaborazione con l’associazione InOltre portando sul palco il gruppo teatrale Narratori Singolari con alcuni passaggi del volume «Il Baratto», raccolta di racconti, riflessioni, paure, episodi divertenti e momenti di sconforto di genitori di persone disabili. ingresso gratuito.
Giovedì 16 aprile chiude la rassegna la serata al Teatro San Filippo Neri dove con inizio alle 20,45 il gruppo teatrale Diversingranaggi - composto da studenti e insegnanti dell’Istituto Oscar Romero di Albino, ragazzi ed educatori dei Centri diurni disabili di Nembro e Gandino - proporrà una rielaborazione del percorso di sperimentazione corporea e vocale e dei vissuti emozionali del gruppo, dalla paura alla tristezza, dalla rabbia alla felicità. Ingresso gratuito.

«Questo insieme di iniziative mostra come sia possibile portare un’attenzione e uno sguardo positivi verso la disabilità in diversi luoghi del territorio, in occasioni sportive, culturali, di tempo libero, rendendo naturale la presenza delle persone con handicap nella vita di tuttii giorni. Naturale perché basata su un diritto», spiegano gli organizzatori. La manifestazione conta anche sulla collaborazione della parrocchia di San Martino, l’oratorio di Nembro, il Comitato iniziative sociali (Cis), i Centri diurni disabili di Nembro e Gandino, l’Istituto Oscar Romero di Albino e sul contributo della Società servizi sociosanitari Val Seriana e dell’associazione «Noi per loro» di Selvino.

a.benigni

© riproduzione riservata