Lunedì 18 Maggio 2009

Uccise la moglie e l'ex amica
Condannato all'ergastolo

E' stato condannato alla pena dell'ergastolo, senza isolamento diurno in carcere Anacleto Roncalli, ex idraulico di 68 anni in pensione, ritenuto autore di duplice omicidio volontario premeditato e aggravato per aver ucciso a coltellate l’ex moglie Nataliya Holovko, ucraina di 43 anni di Villa d’Adda, e l’amica di lei Alla Smirnova, quarantaquattrenne russa di Locatello. Il Gup del giudizio abbreviato ha quindi accolto la richiesta di condanna del pubblico ministero. Al figlio della moglie (nato dal primo matrimonio), Roncalli dovrà versare anche 150mila euro.

Il duplice omicidio risale al 17 settembre 2008: quel giorno Roncalli, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, aveva preso un coltello e aveva raggiunto la casa della sua ex moglie, da cui era separato da un paio d’anni. Roncalli l’aveva colpita con il coltello all’addome, provocandole una ventina di ferita. L’aveva quindi lasciata ormai priva di vita e si era allontanato. Nel frattempo alcuni vicini avevano allertato i carabinieri. Purtroppo Roncalli aveva avuto il tempo di raggiungere Locatello, dove abitava un'amica dell'ex moglie, Alla Smirnova. Incrociando Roncalli mentre lei stava raggiungendo il posto di lavoro in auto, la russa aveva accostato: il pensionato, aperta la portiera, l’aveva colpita ripetutamente, uccidendola.

A quel punto Roncali aveva raggiunto il carcere di Bergamo e lì si era costituito. All’origine del duplice delitto, a quanto ricostruito, la forte gelosia di Roncalli per l'amicizia tra le due donne. Roncalli era stato sottoposto a perizia psichiatrica chiesta dal difensore avv. Ottaviano Mussumeci. Il dottor Sergio Luca Monchieri aveva stabilito una piena capacità di intendere e volere, ma il consulente di parte, dott. Marco Frongillo, aveva parlato di parziale incapacità di volere e soprattutto di mancanza di pericolosità. L’avvocato di parte civile, Maria Grazia Corti del foro di Lecco, che assiste Nikita, il figlio (all’epoca dell’omicidio diciassettenne) di Natalya Holovko, aveva chiesto per il suo assistito un risarcimento di un milione di euro, con una provvisionale immediatamente esecutiva di 150 mila euro.

e.roncalli

© riproduzione riservata