Martedì 02 Giugno 2009

Valseriana, agenti del Consorzio
vanno a fare i vigili in Abruzzo

Ore 3,30. Si parte. Destinazione L'Aquila. A bordo dell'Ufficio mobile del Consorzio di polizia municipale Valseriana, pronto ad imboccare l'autostrada al casello di Bergamo, ci sono tre dei sette agenti che, per i prossimi 15 giorni, svolgeranno servizio nei vari campi allestiti nelle zone dell'Abruzzo devastate dalle scosse sismiche.

Alla guida del primo contingente del Corpo di polizia che ha sede a Nembro, nel buio della notte tra il 1° giugno e il 2 giugno, l'agente Giuseppe Fuschino di Albino. Con lui altri due giovani colleghi: Sergio Milo di Villa d'Almè e Matteo Innocenti. «Abbiamo deciso di partire per dare un aiuto concreto ai nostri colleghi dell'Aquila provati da una situazione difficile e improvvisa, che a qualcuno ha cambiato la vita, e alle popolazioni terremotate» afferma, a nome di tutti, Fuschino.

Dal 2 giugno mattina, dopo quasi otto ore di viaggio, i tre agenti del Consorzio di polizia municipale Valseriana - che il 9 giugno lasceranno il posto al secondo contingente formato da altri quattro colleghi, fra cui due donne, coordinati dal commissario aggiunto Ilaria Tomasoni - hanno raggiunto proprio il Campo di riferimento «Firenze». Con il furgone, sotto una pioggia battente e una temperatura piuttosto bassa, hanno iniziato ad attraversare le terre martoriate dal terremoto dello scorso 6 aprile. «Abbiamo visto alcune delle case crollate, scorto gli attendamenti sparsi un po' dappertutto e incrociato i primi volti di chi è scampato a quell'inferno» raccontano. Poi è iniziato subito il lavoro.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata