Lunedì 06 Luglio 2009

P.RIZZI - proteste antenna , pezzo corretto x barollo

P.RIZZI Ranica ? Dalla protesta per l?istallazione dell?antenna di telefonia mobile nasce il comitato dei cittadini di Ranica che non vogliono il palo davanti alle proprie case. L?antenna Omnitel-Vodafone collocata dal comune di Torre Boldone in Piazza del Bersagliere di fronte al centro civico e alla palestra, è stata recentemente spostata in via Piave, a confine con Ranica dove c?è la cabina del metano, di fatto a ridosso delle abitazioni di una trentina di famiglie ranichesi, provocando una dura reazione degli abitanti e del sindaco di Ranica Paola Magni. Il comitato si è già mosso con una raccolta di firme che ha presentato al vicesindaco Fulvio Pellegrini sottolineando che l?amministrazione di Torre Boldone ha issato l?antenna proprio di fronte alle case nonostante l?esistenza di un?ampia area agricola dove poteva essere collocata con minore impatto ambientale. Una petizione sottoscritta da un centinaio di cittadini nella quale viene evidenziata l?assoluta disinformazione nei confronti degli abitanti di via Piave in merito alla nuova ubicazione dell?antenna avvenuta a fine maggio, con richiesta di spostamento immediato. Sulla scia della protesta si è tenuto un vertice al Comune di Torre Boldone. Presenti i tecnici dei rispettivi comuni, il sindaco Claudio Sessa di Torre e il vicesindaco di Ranica Fulvio Pellegrini per una verifica di tutti gli atti e valutare la possibilità di una nuova ubicazione. «All?incontro erano presenti anche rappresentanti della Vodafone ? precisa il vicesindaco Fulvio Pellegrini ? i quali hanno fatto presente che il problema dell?antenna alta una trentina di metri risale al 2004 ed un eventuale ulteriore spostamento può avvenire solo in uno spazio circoscritto dell?attuale zona al fine di garantire il servizio erogato. Vodafone presenterà comunque un preventivo di costo e un eventuale nuovo insediamento, anche se rimangono ostacoli al momento difficili da superare. Occorrerà altresì valutare tra i costi anche l?incidenza del canone annuo che Vodafone ha concordato con l?amministrazione comunale di Torre Boldone per i prossimi cinque anni. Nel frattempo il comune di Ranica ha chiesto di piantumare almeno la zona dove è ora istallata l?antenna con alberi ad alto fusto per attutire l?impatto ambientale. Di certo intendiamo garantire ai nostri cittadini il massimo impegno per ottenere una soluzione più idonea a tutela e salvaguardia della qualità della vita degli abitanti». Per il sindaco di Torre Boldone Claudio Sessa, spostare l?antenna in un?altra zona del suo comune risulta impossibile: «Dovrei rescindere un contratto senza una motivazione valida in quanto i permessi rilasciati sono tutti in regola. Un?altra soluzione prospettata è quella di trovare la nuova collocazione nel territorio di Ranica dove già esiste un?altra antenna vicino al cimitero. Ma ci sono difficoltà tecniche perché per Omnitel rimane ai margini della zona di copertura. Poi bisogna tener conto dei costi sia per il trasferimento che per i nuovi permessi che sarebbero tutti da rifare. Costi che Omnitel non è intenzionata ad assumersi e sarebbero a carico, ovviamente, del comune di Ranica. Un?altra soluzione potrebbe essere quella di una piantumazione che ci trova d?accordo ma che dovrebbe essere effettuata su un terreno privato. Il nostro prossimo impegno sarà proprio quello di contattare il proprietario dell?area per ottenere il permesso di piantumare gli alberi». Prossimo passo: un nuovo incontro per verificare fattibilità e costi di una collocazione più idonea. Paola Rizzi

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags