Venerdì 24 Luglio 2009

Aerei, ecco il vademecum
per chi parte e chi prenota

In questi giorni di grandi partenze e di aeroporti affollati, è sempre possibile incappare in qualche piccolo intoppo al momento della partenza. Per evitarlo, da Adiconsum arriva un decalogo delle indicazioni da seguire per garantirsi un volo tranquillo, e delle misure da adottare in caso di disservizi.

Ecco i consigli in pillole:
1. Evitate di presentarvi in aeroporto con i minuti contati: le code, nonostante gli sforzi di tutti, sono assicurate sia ai banchi della compagnia aerea che al controllo di sicurezza.

2. Se possibile ricorrete al tele-check in e al terminale self-service.

3. Il check in non può esservi comunque negato, se avete almeno osservato l’anticipo minimo indicato sulle condizioni generali di trasporto (in genere 40 minuti): se non è stato predisposto un check in prioritario per i voli di imminente partenza e rischiate di perdere il volo a causa della fila, esigete di essere serviti subito.

4. Agevolate il controllo di sicurezza rispettando le prescrizioni affisse in prossimità del varco e inserendo i liquidi negli appositi sacchetti trasparenti (max 100ml per pezzo e max 1 litro di capienza complessiva dei contenitori).

5. Se il volo subisce ritardi, avete sempre diritto ad una tempestiva informazione e se sono superiori alle due ore anche all’assistenza in aeroporto (pasti e bevande in congrua relazione all’attesa, alloggio e relativo trasporto se necessario), a due comunicazioni telefoniche, fax o e-mail. Oltre le cinque ore di ritardo vi spetta anche il rimborso del biglietto se rinunciate al volo.

6. Se il volo viene cancellato e non siete stati informati con il dovuto anticipo, avete diritto a scegliere fra riprotezione (volo alternativo) e rinuncia al volo: nel primo caso spetta, oltre all’assistenza in aeroporto, la compensazione pecuniaria fra 250 e 600 euro, secondo la tratta del volo) mentre se si rinuncia oltre a questi rimedi si ha diritto al rimborso del biglietto non utilizzato. Se la cancellazione è dovuta a circostanze eccezionali (es. problemi meteorologici gravi) nessuna compensazione pecuniaria è dovuta.

7. In caso di overbooking, la compagnia deve fare appello a cosiddetti «volontari», che rinuncino a fronte di adeguati benefici, oltre alla riprotezione o al rimborso del biglietto non utilizzato. I non consenzienti al negato imbarco devono ricevere adeguata assistenza in aeroporto, riprotezione e/o rimborso del biglietto non utilizzato, oltre a compensazione pecuniaria fra 250 e 600 euro, secondo la tratta del volo.

8. In caso di mancata riconsegna del bagaglio o danneggiamento, aprite subito la procedura di reclamo bagaglio; avete diritto ad acquistare tutto il necessario alla permanenza (solo le spese necessarie e documentate da scontrini e ricevute saranno rimborsate dalla compagnia). Se il bagaglio è danneggiato, documentate il danno (per esempio scattando delle fotografie) e se possibile acquisite da un negozio specializzato una dichiarazione di costo della riparazione o di non riparabilità. La responsabilità del vettore è limitata a circa 1.100 euro complessivi per passeggero.

9. Ricordate che è possibile stipulare anche una polizza assicurativa integrativa, a copertura dei danni causati dal disservizio bagagli e talvolta anche della rinuncia al volo per motivi personali.

10. Per tutti i problemi dei passeggeri sappiate che esiste un Capo-Scalo, cui è possibile rivolgersi per i casi in cui i vostri diritti non siano riconosciuti dal personale di terra che vi ha assistito.


E un invito all'attenzione arriva anche per chi deve ancora prenotare e pensa di rivolgersi a un vettore low cost: «Dietro offerte di voli al costo di 4-5 euro spesso, se non sempre, si nascondono costi occulti», scrive Adiconsum.

Occhi aperti dunque su eventuali:
- Tariffe aggiuntive per check-in online
- Tariffe aggiuntive per imbarco con priorità
- Tariffa Aeroportuale aggiuntiva del nuovo rilascio della carta d’imbarco
- Tariffa aggiuntiva per neonati
- Tariffe bagagli affidati al check-in, con sommatoria dei costi aggiuntivi per singoli colli
- Sovrapprezzo per bagaglio in eccesso
- Costi aggiuntivi per articoli per bambini (seggiolini per auto/lettini da viaggio)
- Costi aggiuntivi per attrezzatura sportiva e/o per strumenti musicali - Tariffe aggiuntive per modifiche al volo
- Tariffa aggiuntiva per cambio nominativo

f.morandi

© riproduzione riservata