Delitto di Vertova, il pm annuncia
ricorso contro i proscioglimenti

Delitto di Vertova, il pm annuncia ricorso contro i proscioglimenti

È iniziato il processo per il delitto di Vertova che vede come imputato Alì Ndiogou, 40 anni, accusato di aver ucciso a coltellate il 24 luglio 2008 Maria Grazia Pezzoli, imprenditrice di 45 anni. Sono state dibattute procedure processuali, ma la principale novità è che il pm Carmen Pugliese ha annunciato il ricorso contro il proscioglimento in estate da parte del gup del marito della vittima, Giuseppe Bernini, di Alioune Badara Silla e del maresciallo Grinciari che in un primo momento erano stati accusati di favoreggiamento.

A Bernini era stato contestato di aver taciuto agli inquirenti la vertenza in corso con Ndiogou, a Alioune Badara Sillla di non aver riferito ai carabinieri di una telefonata con Ndiogou e al maresciallo Grinciari di aver fatto entrare Bernini nella casa sequestrata.

Ndiogou, ex dipendente del marito della vittima, avrebbe ucciso la donna nell'ufficio sul retro dell'abitazione dopo essersi visto rifiutare i 48 mila euro che reclamava dopo un licenziamento ritenuto ingiusto. A incastrarlo sarebbero le prove del Dna.

Il processo è stato rinviato al 9 ottobre. Le udienze si terranno nella vecchia aula della corte d'assise in piazza Dante. Presidente della corte d'assise è Aurelia Rita Del Gaudio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA