Venerdì 25 Settembre 2009

L'asse interurbano si allunga
Entro giugno arriverà a Ponte

Chi passa per la strada provinciale Briantea noterà che all'altezza di Mapello e di Locate di Ponte San Pietro è attivo un cantiere dell'impresa BetonVilla di Merate che sta realizzando lo «svincolo di Mapello» dell'asse interurbano. La realizzazione di questo svincolo ha comportato una serie di opere, come il sottopasso della ferrovia, la rotatoria, una galleria artificiale e svincoli con una modifica alla viabilità in questo tratto della Briantea.

Questa complessa struttura, unita allo svincolo vicino alla frazione di Locate e la costruzione di 5 ponti (già in fase avanzata, sul tratto da Presezzo a Mapello) sono le ultime strutture più importanti per completare l'asse interurbano: un percorso che, una volta terminato, nei primi mesi del 2010, unirà Ponte San Pietro con Seriate.

«Pensiamo di essere in dirittura d'arrivo – osserva il responsabile del cantiere geometra Alessio Colombo – il lavoro più importante e complesso che è lo svincolo sulla Briantea, salvo imprevisti, dovrebbe terminare entro dicembre e contiamo di realizzare le altre opere per completare definitivamente questa arteria stradale nei primi mesi del 2010».

L'impresa BetonVilla, che ha in appalto l'opera, è impegnata su questo ultimo tratto con uomini e mezzi per portare a termine al più presto possibile quest'opera stradale. «Ho chiesto ai miei responsabili di accelerare al massimo e di fare il possibile per terminare questa arteria di vitale importanza per la viabilità dell'Isola – aggiunge Marco Sangalli, da circa un anno proprietario con Paccani, della BetonVilla di Merate – Tra l'altro il cantiere dell'Asse, confina proprio con l'area della mia azienda (Sangalli Marco spa) e quindi anche noi desideriamo che i lavori sull'Asse vengano ultimati al più presto». A conti fatti sono passati ormai più di vent'anni da quando è stato progettato l'Asse Interurbano, una strada esterna a Bergamo che collega Seriate con Ponte San Pietro. Un nastro d'asfalto di 18 chilometri. Nel 1994 venne inaugurato il primo tronco da Seriate a Curno. Poi i lavori si sono fermati e sono rimasti bloccati per otto anni. A seguito di numerose proteste dei sindaci dell'Isola e all'intervento dei politici locali, finalmente venne appaltato all'impresa BetonVilla l'ultimo tronco (Treviolo-Mapello Ponte San Pietro) per un importo di 60 milioni.

Un tratto di circa 6 chilometri con doppia carreggiata (4 corsie) sino all'intersezione con la provinciale 166 a Presezzo e ad unica carreggiata (2 corsie) sino alla connessione con la ex strada statale Briantea, quasi tutto in trincea con la costruzione di gallerie artificiali. I lavori sono iniziati nel maggio del 2002. A fine luglio 2005 è stato aperto il tratto da Treviolo a Bonate Sopra (provinciale 155 Ponte-Capriate), allentando in parte la morsa del traffico sulla Briantea e sui comuni dell'Isola in particolare Ponte San Pietro, strada che ha allentato in parte la morsa del traffico sulla Briantea e su alcuni comuni dell'Isola.

Due anni dopo (luglio 2007) è stato aperto un altro tratto che da Bonate Sopra arriva sulla provinciale 166 al confine tra Presezzo, Bonate Sopra e Terno. Nei primi mesi del 2010 l'Asse sarà completato con gli ultimi tre chilometri e l'innesto sulla Briantea.

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags