Sabato 03 Ottobre 2009

Trescore, la pasticceria Pina
fra le 100 migliori del mondo

Torte e marmellate orobiche sul tetto del mondo: la pasticceria Pina di Trescore Balneario, che dal 1920 sforna golosità per i palati bergamaschi, è stata ammessa nella prestigiosa associazione francese «Relais Desserts», che raduna cento pasticcieri scelti tra i migliori del globo. Solo altri tre maestri del dolce italiani hanno ottenuto il privilegio di entrare in questo club di artisti del bigné.

Una bella soddisfazione per il trio formato da Giovanni (il pasticciere), Lucia e Anita Pina (che si occupano della vendita e del versante amministrativo della società), terza generazione di una dinastia di pasticcieri iniziata con il nonno Giovanni e la sua idea di aprire quel laboratorio in via Locatelli. Per entrare nel gotha della pasticceria mondiale, il paradiso dei golosi orobico ha dovuto superare le forche caudine di un esame a dir poco meticoloso: «Dopo la presentazione della candidatura, che già non era stata semplice, una delegazione dell’associazione è venuta in visita da noi a giugno – racconta Anita Pina –. Il controllo è stato rigorosissimo: hanno valutato la qualità e l’estetica dei nostri dolci, della vetrina, del locale, esaminato la pulizia di tavoli e laboratorio, osservato l’atteggiamento del personale (oltre ai tre titolari, nella pasticceria lavorano otto dipendenti, coordinati da Adriano Anastasi)».

Alla fine della scrupolosa perizia, comunque, è arrivato il sospirato «oui». Il segreto di un successo mondiale sembra risiedere nel sapiente mix di tradizione, con i «brasadelì» (ciambelline di frolla) del nonno Giovanni a far bella mostra di sé in vetrina, e capacità di innovare. Un lavoro quotidiano che coniuga il ricordo del papà «che dormiva con i panettoni per controllare la lievitazione», con le ultimissime novità scovate da Giovanni junior, che dopo aver fatto tesoro dei segreti di famiglia è andato in cerca di nuovi spunti tra Francia e Stati Uniti, e da dieci anni presidente dell’Accademia dei maestri pasticcieri italiani.

Oltre a sfornare i dolci più vari, nel rigoroso rispetto della stagionalità degli ingredienti, la pasticceria Pina si è nel tempo specializzata in marmellate (va per la maggiore l’accoppiata di frutto della passione e arance filangé, da abbinare ai formaggi stagionati) e cioccolato. Per brindare al bel traguardo, la super pasticceria ha organizzato per oggi alle 12 un aperitivo cui sono invitati i clienti e le autorità di Trescore.

e.roncalli

© riproduzione riservata

Tags