Giovedì 08 Ottobre 2009

Cerca di investire un carabiniere
marocchino in manette, era ubriaco

Ha forzato un posto di blocco cercando di investire un carabiniere. Dopo un breve inseguimento si è fermato ed è sceso dall'auto barcollando, perchè completamente ubriaco. A quel punto i militari lo hanno arrestato.

È successo la notte tra giovedì e venerdì tra Capriate San Gervasio e Madone. In manette è finito un marocchino di 40 anni; l'uomo, pregiudicato in regola con il permesso di soggiorno e residente a Milano, era in auto insieme a un conoscente quando, a Capriate, si è imbattuto in un posto di blocco. L'immigrato, invece di fermarsi, ha accelerato e ha quasi investito uno dei militari, che è riuscito a schivarlo lanciandosi sul cofano della vettura di servizio.

Ne è scaturito un inseguimento che si è protratto per alcuni chilometri. A un certo punto, l'auto dei fuggitivi ha rallentato e il passeggero è riuscito a scendere dalla macchina e a fuggire a piedi. Poco dopo, a Madone, il marocchino si è fermato ed è sceso a sua volta dall'auto. Prima ancora che i carabinieri lo bloccassero, l'uomo è caduto a terra, sotto l'effetto dell'alcol. I militari lo hanno dunque arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per guida in stato di ebbrezza.

Dai successivi accertamenti, i carabinieri hanno accertato che l'auto sulla quale viaggiava il marocchino aveva sia il certificato che il tagliando dell'assicurazione falsificati.

a.ceresoli

© riproduzione riservata