Venerdì 06 Novembre 2009

Pedemontana, metrò di Milano
e Brescia: Formigoni è soddisfatto

«Sono molto soddisfatto - ha dichiarato il presidente di Regione Lombardia, Roberto Formigoni -: ho dovuto lottare una volta di più perché all'ultimo istante c'è stata l'obiezione di qualche ministro, ma ho parlato con il presidente del consiglio, Berlusconi, poi con il sottosegretario Gianni Letta e con il ministro Matteoli: alla fine abbiamo portato a casa tutto quello che ci serviva e tutto quello per cui in Regione Lombardia abbiamo duramente lavorato».

Formigoni è intervenuto dopo il via libera al progetto definitivo di Pedemontana, ma anche alle linee 4 (tratta Sforza Policlinico-Linate) e 5 (Garibaldi FS-San Siro Axum) della metropolitana milanese arrivato dal Comitato interministeriale per la programmazione economica.

«In sostanza - prosegue Formigoni - arrivano i fondi per la Pedemontana (che comincerà a essere costruita da gennaio dell'anno prossimo), arrivano i fondi per le metropolitane 4 e 5 di Milano (i cui cantieri apriranno entro il prossimo mese di giugno) e arriva anche l'accordo per la convenzione per la Tangenziale esterna di Milano (la Tem, che cominceremo a realizzare dal 2011 e che sarà totalmente finanziata da fondi lombardi). Arrivano inoltre anche 80 milioni per la metropolitana di Brescia e 70 milioni per il collegamento stradale Lecco - Bergamo. Una grande soddisfazione che dimostra la serietà del lavoro fin qui fatto».

«Come sempre sottolineato - conclude il presidente lombardo - sulla partita per le infrastrutture importanti anche in vista di Expo, siamo sempre stati in perfetto orario. Quello del Cipe di oggi era un passaggio nevralgico e lo abbiamo brillantemente superato».

Soddisfazione è stata espressa anche dall'assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Raffaele Cattaneo: «Il modello Lombardia nei fatti vince ancora una volta, sbugiardando i tanti profeti di sventura: il risultato ottenuto è la conferma del grande lavoro svolto e dell'efficacia del nostro metodo. Ora possiamo completare e avviare opere infrastrutturali di assoluto rilievo per la Lombardia per un valore di 6 miliardi di euro. Con il grande risultato ottenuto per quanto riguarda la Pedemontana, non solo riusciremo a rispettare la scadenza che era stata fissata il 10 marzo 2010, ma anticiperemo di qualche settimana l'avvio dei lavori. Il Cipe ha approvato, oltre al progetto definitivo del sistema viabilistico e al piano finanziario, anche la nostra prescrizione, che permetterà di non pagare alcun pedaggio sui primi lotti prioritari delle tangenziali di Varese e Como».

r.clemente

© riproduzione riservata