Accoltellamento a Russell Square A Londra arrestato 19enne

Accoltellamento a Russell Square
A Londra arrestato 19enne

Una donna è morta e 5 altre persone sono rimaste ferite in un attacco a colpi di coltello nella sera nel centro di Londra, a Russell square, nei pressi del British Museum, da un ragazzo di 19 anni, che è stato poi arrestato.

«Le prime indicazioni suggeriscono la sua salute mentale fattore significativo, ed è questa una delle linee maggiori delle indagini», ha detto il vicecapo della polizia di Londra, specificando poi che resta comunque anche l’ipotesi terrorismo. Il sindaco di Londra ha esortato gli abitanti della città a rimanere «calmi e vigili».

Si moltiplicano sui media britannici i paralleli fra l’attacco a Russell Square e quello compiuto nel dicembre scorso nella stazione periferica della metropolitana di Leytonstone, nell’est di Londra, da Muhiddin Mire, un trentenne britannico di origini somale che con armi da taglio ferì in particolare in modo grave un passeggero.

La zona dell’accoltellamento, a Russell SquareFoto Ansa

La zona dell’accoltellamento, a Russell SquareFoto Ansa

Mire, come il 19enne arrestato per i fatti della notte, fu allora descritto dagli investigatori come una persona con problemi mentali ed è tuttora recluso in un ospedale psichiatrico, ma la polizia accertò anche che si era in qualche modo ispirato su internet alla propaganda dei jihadisti dell’Isis. Proprio nei giorni scorsi, Mire è stato condannato all’ergastolo (ma con la possibilità di invocare la libertà su cauzione fra poco più di otto anni) da un giudice che nel verdetto lo ha in effetti indicato come uno squilibrato, riconoscendone tuttavia pure un movente di tipo terroristico

Intanto resta blindata gioverdì mattina l’area attorno a Russell Square, teatro a tarda sera del sanguinoso attacco all’arma bianca condotto da un 19enne - poi arrestato - che con un coltello ha ucciso una donna e ferito altre 5 persone, tre uomini e due donne. La polizia circonda la piazza e la presenza di agenti è massiccia, anche se il movimento della gente appare ora normale. Nell’area, oltre alla stazione della metropolitana colpita nell’ondata di attentati del luglio del 2005, ci sono il British Museum e varie istituzioni universitarie.


© RIPRODUZIONE RISERVATA