Lunedì 12 Luglio 2004

Afa e caldo un ricordo del 2003 L’estate 2004 all’insegna del freddo

Sono solo un ricordo le alte temperature, l’afa e il caldo opprimente dell’estate 2003. Per quest’anno i mesi estivi si associano solo a temporali, temperature che rimangono di alcuni gradi sotto la media e un clima incerto con frequenti acquazzoni alternati a parziali schiarite. A risentirne maggiormente di questo tempo pazzerello sono le mete turistiche bergamasche che stanno subendo un brusco calo di presenze, specie nei weekend con le seconde case che restano semivuote.

Ma cosa è successo di anomalo nella meteo dell’estate 2004? Probabilmente, la vera anomalia è stata quella del 2003, che ci aveva abituati ad uno stile di vita estiva quasi da regione sub-tropicale. Quest’anno, invece del dominio dell’alta pressione delle Azzorre, sono maggiormente protagoniste le correnti più fresche e umide del Nord Atlantico, più ondulate e più mutevoli, e che portano con sé maggiore instabilità. L’aria fredda, che dovrebbe rimanere in estate alle alte latitudini europee, viene quindi a volte agganciata verso sud da zone di bassa pressione che si spingono fin verso la Francia, in posizioni per niente estive, e invitate a lambire le nostre Alpi ed il Nord Italia in particolare. Instabilità vuol dire nuclei di aria fresca che scavalcano periodicamente le nostre Alpi, e sollevano l’umidità delle nostre pianure a formare i maestosi e pittoreschi cumuli che così spesso ornano i nostri cieli.

Dire cosa ci prospetta il futuro è alquanto arduo, ma nella logica della meteo gli eccessi prima o poi si compensano. Così come è stata azzerata la calura estiva del 2003 con un bellissimo e nevoso inverno 2004, così si può sperare che i prossimi due mesi estivi ci rendano una maggiore stabilità e qualche grado di temperatura in più. Per questa settimana si parla già di un lento ritorno alla stabilità, con la temperatura in nuova graduale ripresa e con aria più secca in arrivo dalle Alpi, aspetti che dovrebbero ridurre per qualche giorno il rischio di cumuli pomeridiani.

(12/07/2004)

fa.tinaglia

© riproduzione riservata

Tags