Agosto, «boom» di accessi alla discarica Chi non va in vacanza ripulisce la casa

Agosto, «boom» di accessi alla discarica
Chi non va in vacanza ripulisce la casa

Chi non va in vacanza - e sono tanti - ha approfittato per ripulire soffitte e cantine o anche solo per dedicarsi al giardino. Ecco il perché del «boom» di accessi alla discarica.

Agosto è stato il mese di maggior afflusso di cittadini alla piattaforma ecologica di via Goltara, dopo via Moroni, quasi al confine con Lallio. Alcuni lo hanno fatto anche più volte in un mese, a scaricare merce di vario genere.

La piattaforma è aperta tutti i giorni, dal lunedì al sabato, ore 8-13 e 14-19. La giornata più affollata di solito è il sabato. «Altri Comuni applicano una tariffa per i rifiuti più ingombranti, qui il servizio è tutto gratuito – afferma Renato Pennacchia, responsabile del settore movimento dell’Aprica – e un contributo è richiesto solo quando il nostro intervento avviene all’abitazione del cittadino».

La gestione della piattaforma è affidata da Aprica in appalto alla cooperativa sociale Ecosviluppo, che impiega anche persone disagiate. Sono una ventina i cassoni dislocati nell’area della piattaforma, ognuno per una tipologia di rifiuti. Quelli elettrici ed elettronici occupano da soli cinque cassoni. Insieme al legno e agli «ingombranti» (mobili, materassi, divani) rappresentano i rifiuti più conferiti. In primavera, quando ci sono potature e sfalci d’erba, vanno forte gli scarti vegetali.

Dove vanno a finire tutti i materiali portati in discarica?


Due pagine su L’Eco di Bergamo in edicola il 31 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA