Venerdì 10 Aprile 2009

Aiutò miliardario a portare la valigia
Bergamasco eredita 32 auto d'epoca

Se in un aeroporto in giro per il mondo dovesse capitarvi di vedere un anziano in difficoltà a portare la valigia, dategli una mano. Non si sa mai cosa potrebbe succedere e chi si ha di fronte: si potrebbe aiutare, senza saperlo, un miliardiario di buon cuore che per ringraziarvi vi lascerà in eredità 32 auto d’epoca, alcune della quali di eccezionale valore collezionistico.

È questo quello che è capitato a Pierangelo Ghilardi, 56 anni, originario di Bergamo, dal 1990 residente con moglie e quattro figli, a Charlotte, nello stato americano della North Carolina. Diplomatosi all’Itis della nostra città e poi laureatosi negli Stati Uniti come ingegnere chimico, Ghilardi fa «l’inventore di brevetti», principalmente nel campo degli impianti di verniciatura, del riscaldamento o della levigatura.

Nel 1997, durante a un viaggio di lavoro, all’aeroporto Jfk di New York si imbatte nel signore londinese un po’ claudicante. «Aveva difficoltà a portare la valigia - ricorda il bergamasco - così gli diedi una mano, mi offrì da bere e da lì iniziammo a conversare e diventare amici. Ci incontrammo altre volte, in giro per il mondo, mantenendo i contatti. Lui, appassionato di auto d’epoca, si accorse del mio interesse per il mondo dei motori». L’anziano miliardario londinese, arricchitosi facendo il venditore di petrolio, carbone e oro, muore nel 2007 a 78 anni. Ma l’ingegnere di Bergamo viene a saperlo solo lo scorso Natale, quando, con sorpresa, riceve dal tribunale di Londra una lettera in cui si dice dell’eredità lasciatagli. Il miliardario, come segno di amicizia, ha lasciato a Ghilardi 32 auto d’epoca, di cui 31 funzionanti, in buona parte vecchi taxi londinesi, ma anche pezzi molto più pregiati, come due auto assolutamente originali.


Leggi tutta la storia su L'Eco dell'11 aprile

fa.tinaglia

© riproduzione riservata