Albino, roggiainquinata dal gasolio

Albino, roggiainquinata dal gasolio

Inquinamento da idrocarburi, ieri verso le 11, nella Roggia Comenduna, a Desenzano di Albino. Un versamento improvviso, proveniente presumibilmente dalla fognatura, che ha generato un forte odore di gasolio interessando l’area limitrofa al santuario della Madonna della Gamba e la scuola statale dell’infanzia. Chiamati da alcuni cittadini e dallo stesso personale della materna, sono accorsi gli operai della Nord Servizi, la società a capitale comunale che gestisce gli impianti tecnologici, la polizia provinciale, i tecnici dell’Ufficio ecologia del Comune, dell’Arpa e del Consorzio di bonifica. L’intervento di bonifica è stato fatto anche con l’uso di galleggianti, dispositivi adatti per contenere l’inquinamento che, comunque, è stato subito circoscritto. Interessata, come detto, anche la vicina materna in via Dante, i cui sotterranei lambiscono la roggia, che qui passa interrata. La chiusura di alcune porte degli scantinati e una pronta aerazione dei locali ha evitato che l’odore di gasolio creasse disagi e fastidi ai bambini, che hanno svolto regolarmente l’attività didattica. Intorno alle 13,30, a detta dei responsabili della Nord Servizi, l’odore di gasolio era quasi del tutto svanito. Sono in corso accertamenti per stabilire le cause dell’inquinamento, subito bonificato, evitando che arrivasse nel Serio.(22/02/2006)

© RIPRODUZIONE RISERVATA