Sabato 14 Maggio 2011

Base operativa regionale
il nuovo eliporto al «Pighét»

Nuove strutture e un raggio d'azione più ampio per il Centro polifunzionale anticendio boschivo «Pighèt» sul Colle Zanino – in territorio di Ranica – che nel marzo scorso il raggruppamento di imprese vincitrici dell'appalto per le operazioni con elicotteri attivati dal Servizio antincendio della Protezione civile della Regione Lombardia ha «promosso» a base operativa regionale di riferimento, idonea dunque non più solo per la copertura delle operazioni sul territorio provinciale, ma su quello dell'intera Lombardia.

In particolare, hanno influito l'operatività della base a carattere permanente annuale e la sua capacità di fornire supporto logistico sia agli elicotteri, sia agli equipaggi impegnati nelle operazioni d'emergenza. La struttura di Protezione civile nel settore dell'antincendio boschivo – che nella sua nuova veste si inaugura sabato mattina – rappresenta infatti ormai da tempo un punto di riferimento in questo settore, forte di un'esperienza cominciata vent'anni fa, quando il proprietario dei terreni, Giancarlo Aletti, mise a disposizione un'area da utilizzare come base per l'attività degli elicotteri per lo spegnimento degli incendi nell'ambito del Servizio regionale e a disposizione del Corpo forestale dello Stato in caso di pronto intervento.

Grazie a una favorevole ubicazione a quota 653 metri sul livello del mare sul Colle Zanino di Ranica – zona collinare sgombra da nebbie e sufficientemente distante dalle rotte di decollo e atterraggio degli aerei dell'aeroporto di Orio al Serio – il Consorzio del Parco dei Colli, entro il cui territorio è posizionata la base, aveva considerato la zona strategica per gli interventi non solo sul suo territorio, ma anche nella bassa Valle Brembana e nella bassa Valle Seriana.

Il programma dell'inaugurazione odierna prevede il ritrovo alle 9,30, gli interventi delle autorità, l'illustrazione delle attività antincendio boschivo e un'esercitazione dimostrativa (imbarco-sbarco da elicottero con pescaggio e rilascio di acqua su fumogeni) da parte dei volontari. La benedizione della struttura da parte di monsignor Leone Lussana concluderà la mattinata prima del rinfresco finale.

Leggi di più su L'Eco in edicola sabato 14 maggio

a.ceresoli

© riproduzione riservata

Tags